“Il ponte Morandi andava chiuso al traffico”
È quanto emerge dall’inchiesta sul crollo del viadotto del 14 agosto 2018 chiusa ieri dalla procura di Genova
di Keystone-ATS/MMINO
“Il ponte Morandi andava chiuso al traffico”

Il ponte Morandi “andava interdetto subito al traffico”. È quanto emerge dall’inchiesta sul crollo del viadotto autostradale (14 agosto 2018, 43 vittime) chiusa ieri dalla procura di Genova. A scriverlo sono i pubblici ministeri (pm) basandosi su una comunicazione informale che Antonio Brencich, docente universitario membro esterno del Comitato tecnico che, a febbraio 2018, aveva vagliato il progetto di rinforzo delle pile 9 (quella crollata) e 10.

“Stato di degrado”
Brencich, scrivono i pm, descrive ai membri del Comitato l’ammaloramento del viadotto come “uno stato di degrado... impressionante, addirittura con la rottura di alcuni cavi metallici degli stralli” e ancora, uno “stato generale di degrado del calcestruzzo e delle armature dell’impalcato”, “un pessimo stato di conservazione “ e “una incredibile pessima prestazione del manufatto”. Questa comunicazione, ragionano i magistrati, avrebbe dovuto essere comunicata immediatamente agli organi pubblici di sorveglianza “affinché quella situazione di evidente rischio fosse resa pubblica e il transito veicolare fosse immediatamente interdetto”.

Omesso qualsiasi tipo di sorveglianza
Anche i dirigenti del ministero delle Infrastrutture, dal canto loro, avrebbero omesso qualsiasi tipo di sorveglianza. “Non procedevano - scrivono i pm - ad ispezioni e controlli diretti ma neppure richiedevano alla società concessionaria informazioni e documentazioni concernenti i lavori eseguiti e le condizioni dell’opera”. In conseguenza “di questa totale ignoranza - si legge nelle carte - volontariamente perseguita, delle condizioni dell’infrastruttura più importante, complessa e fragile dell’intera rete autostradale, omettevano di adoperarsi affinché fossero rilevate e contestate alla società le sistematiche violazioni delle norme”.

  • 1