I democratici chiedono l’impeachment
Donald Trump è accusato di “incitamento all’insurrezione” per aver incoraggiato l’assalto dei manifestanti a Capitol Hill, causando cinque morti
di Keystone-ATS/MJ
I democratici chiedono l’impeachment

I democratici hanno presentato formalmente alla Camera l’articolo per l’impeachment di Donald Trump per aver incoraggiato l’assalto dei suoi manifestanti a Capitol Hill, che ha causato cinque morti e diversi feriti. Il capo di imputazione è uno solo: incitamento all’insurrezione.

Le quattro pagine del documento fanno riferimento alle sue false dichiarazioni di vittoria contro Joe Biden, alle sue pressioni sui dirigenti della Georgia per ribaltare l’esito del voto in quello Stato e il comizio in cui ha incoraggiato i suoi fan ad attaccare Capitol Hill. Ora l’articolo dovrà essere votato dalla Camera per aprire la procedura.

Repubblicani contro 25/mo emendamento per Trump, domani voto

Allo stesso tempo i democratici alla Camera hanno chiesto il consenso per una risoluzione che chiede al vicepresidente Mike Pence di invocare il 25esimo emendamento della costituzione per rimuovere Donald Trump ma le obiezioni dei repubblicani costringono la camera a metterla al voto domani.

I rappresentanti democratici avevano chiesto al Grand Old party il consenso di portare immediatamente la risoluzione in aula per il dibattito ma i repubblicani si sono opposti con un voto orale. I democratici hanno quindi annunciato che domani chiederanno un voto registrato sulla stessa risoluzione, che concede 24 ore di tempo a Pence per fare ricorso al 25/mo emendamento.

L’FBI lancia l’allerta per proteste il 17 gennaio
Nel frattempo l’FBI mette in guardia su possibili proteste il 17 gennaio da parte dei Boogaloo, organizzazione di estrema destra. Lo riportano i media americani citando una comunicazione di allerta dell’FBI inviata alle forze dell’ordine locali e statali. Proteste “sono in via di organizzazione in tutti i campidogli dei 50 stati fra il 16 e almeno il 20 gennaio, e al Congresso fra il 17 e il 20 gennaio”, si legge nella nota inviata dall’FBI, che ha “ricevuto informazioni su un gruppo armato che intende andare a Washington il 16 gennaio” per una manifestazione il 17. Il gruppo ha messo in guardia sulla possibilità di una rivolta nel caso in cui il Congresso tentasse di rimuovere il presidente con il 25/o emendamento.

  • 1