Effetto lente fra le ipotesi per l’incendio del grattacielo
Le indagini hanno escluso che all’origine del rogo ci sia un cortocircuito
di Keystone-ATS/daco
Effetto lente fra le ipotesi per l’incendio del grattacielo

Proseguono le indagini sull’origine del rogo che ha divorato la Torre dei Moro a Milano. Scartata la possibilità di un cortocircuito, si sta verificando anche il cosiddetto “effetto lente” quale innesco del fuoco divampato otto giorni fa e che ha incendiato la Torre dei Moro a Milano.

Il sinistro potrebbe essere stato originato da un oggetto di vetro, come una bottiglia lasciata sul balcone dell’appartamento al 15esimo piano, che ha riflesso i raggi solari su un altro oggetto, come un rifiuto, il quale per l’alta temperatura ha iniziato a bruciare. È una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti milanesi che lavorano “per esclusione” sulle cause del rogo.

  • 1