Cisgiordania, mattinata di scontri a Jenin
La agenzia di stampa palestinese Wafa riferisce che nell’ospedale locale sono arrivati 11 feriti uno dei quali, Daud al-Zubeidi, risulta essere ferito in modo grave
di Keystone-ATS
Cisgiordania, mattinata di scontri a Jenin
Immagine Shutterstock

Mattinata di duri scontri a fuoco nel campo profughi di Jenin (Cisgiordania) dove reparti dell’esercito israeliano cercano di catturare palestinesi sospettati di progettare attentati. In particolare, riferiscono fonti locali, è stata assediata la casa di un ricercato, da dove si eleva una colonna di fumo. La Jihad islamica ha avvertito che reagirebbe duramente se questo fosse eliminato.

11 feriti e un blackout
La agenzia di stampa palestinese Wafa riferisce intanto che nell’ospedale locale sono arrivati 11 feriti uno dei quali, Daud al-Zubeidi, risulta essere ferito in modo grave. Si tratta del fratello di Zacharia al-Zubeidi, un miliziano di al-Fatah che mesi fa fu protagonista di una clamorosa fuga da un carcere israeliano e fu poi nuovamente catturato. Fonti locali aggiungono che nel campo profughi di Jenin si è verificato un black out totale della corrente elettrica ed i telefoni cellulari non funzionano: probabilmente, secondo le fonti, per un intervento dell’esercito israeliano. Due giorni fa, nello stesso campo profughi, la reporter di Al Jazeera Shireen Abu Akleh è rimasta uccisa durante analoghi scontri a fuoco

  • 1