Capri: precipita minibus, un morto
Sul veicolo c’erano 15 persone ed è precipitato a pochissimi metri dal solarium, dove i bagnanti stavano prendendo il sole
di Keystone-ATS/MMINO
Capri: precipita minibus, un morto
Capri: precipita minibus, un morto
Capri: precipita minibus, un morto
Capri: precipita minibus, un morto

Sarebbe potuto essere ben più grave il bilancio di un incidente avvenuto stamani a Capri: un minibus, con a bordo 15 persone, è precipitato contro uno stabilimento di Marina Grande, a pochissimi metri dal solarium, dove i bagnanti stavano prendendo il sole. Tra i primi ad arrivare sul posto, intorno alle 11.30, sono stati i militari della Guardia di Finanza, impegnati poco distanti nei controlli anti-Covid nel porto dell’isola nel Golfo di Napoli. I finanzieri, in attesa dell’arrivo dei soccorsi e dei medici, hanno aiutato le persone ad uscire dal bus.

Il bilancio è di una vittima - l’autista del minibus - e di 28 feriti registrati al pronto soccorso dell’ospedale di Capri. Per la maggior parte si tratta di persone ferite in modo lieve, che non si trovavano sull’automezzo ma sono state investite da detriti provocati dalla caduta. Quelli in condizioni più gravi sono i passeggeri del minibus.

Due dei feriti, tra cui un ragazzo, sono già stati trasferiti in elicottero a Napoli. Altri due feriti sono attualmente assistiti in camera operatoria in attesa di trasferimento, altri stanno ricevendo cure e sono in fase di stabilizzazione emodinamica e assistenza respiratoria, sempre in attesa di trasferimento. Delle persone coinvolte nell’incidente quattro sono di nazionalità straniera, francese e libanese.

Al vaglio ipotesi malore autista
Si chiamava Emanuele Melillo ed aveva 33 anni l’autista deceduto nel grave incidente avvenuto stamattina a Capri. Melillo era ausiliario della Croce Rossa Italiana. Era iscritto nei ruoli dei sottufficiali dal 2011. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, la sterzata, improvvisa, che ha determinato il grave incidente, potrebbe essere riconducibile a un malore. Si tratta, al momento, di una mera ipotesi, sulla quale gli investigatori stanno indagando senza trascurare nessun’altra pista. La causa del decesso di Melillo dovrà essere accertata dall’esame autoptico. Il magistrato di turno della Procura di Napoli si è subito recato sul posto ed è al lavoro, insieme con la Polizia di Stato dell’isola, per ricostruire la dinamica del grave incidente.

  • 1