Economia
Ubs, 25 milioni per chiudere un contenzioso negli Usa
Immagine © CdT/Gabriele Putzu
Immagine © CdT/Gabriele Putzu
un mese fa
La banca, accusata di frode, non avrebbe istruito e monitorato adeguatamente i suoi consulenti finanziari in merito ad alcuni investimenti

Ubs accetta di pagare 25 milioni di dollari per chiudere un contenzioso negli Stati Uniti. La banca era accusata di frode in relazione a un complesso veicolo di investimento denominato Yes (Yield Enhancement Strategy). Secondo la Securities and Exchange Commission (Sec), l'autorità Usa di vigilanza della borsa, da febbraio 2016 a febbraio 2017 Ubs ha commercializzato e venduto prodotti Yes a circa 600 investitori attraverso la sua piattaforma di consulenti finanziari locali.

Un mancato passaggio di informazioni
Secondo quanto si legge da una nota diffusa dalla Sec, Ubs non ha istruito e monitorato adeguatamente i suoi consulenti finanziari durante questo periodo: malgrado la banca sapesse che gli investimenti nei prodotti Yes erano associati a rischi significativi, documentati, non ha condiviso questi documenti con i consulenti e i clienti, aggiunge la Sec, precisando che di conseguenza alcuni consulenti non erano consapevoli dei rischi e i loro consigli non erano nell'interesse dei clienti.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata