Torna la crescita per SGS
Il numero uno al mondo delle ispezioni torna alla crescita dopo la crisi legata alla pandemia
Redazione
Torna la crescita per SGS

Primo semestre 2021 caratterizzato dalla ripresa per SGS: dopo aver sofferto gli effetti della crisi del coronavirus, il gruppo ginevrino numero uno mondiale in ispezioni e certificazioni registra risultati in netta crescita.

Su base annua le vendite sono salite del 16,8% a 3,1 miliardi di franchi, ha comunicato oggi il gruppo, precisando che a livello organico la progressione è stata del 12,4%.

L’utile operativo (Ebit) aggiustato è cresciuto del 38,5% a 457 milioni di franchi e il margine corrispondente è avanzato di 2,4 punti percentuali al 14,8%. L’utile netto attribuibile agli azionisti è aumentato di quasi due terzi (+59,1%) a 272 milioni di franchi.

I risultati del gruppo sono più o meno conformi alle previsioni degli analisti interrogati dall’agenzia finanziaria AWP.

Con le cifre presentate, il CEO di SGS Frankie Ng vede il gruppo indirizzato sulla via per tornare in crescita. Anche gli obiettivi fissati strategicamente incentrati sulle aree di business mirate sono stati raggiunti, indica citato nel comunicato.

Per l’insieme dell’esercizio, la direzione di SGS si aspetta una solida crescita organica e un miglioramento del margine Ebit. Il dividendo versato agli azionisti dovrebbe essere mantenuto stabile o aumentato.

  • 1