Meno di 92 centesimi per un dollaro
Il franco non era così forte sulla valuta americana dal 2015
di Keystone-ATS
Meno di 92 centesimi per un dollaro
Foto Shutterstock

Tasso di cambio dollaro-franco ai minimi pluriennali: oggi un dollaro è arrivato a costare meno di 92 centesimi: con 0,9167 franchi ha addirittura raggiunto il livello più basso da quando la Banca nazionale svizzera (BNS) ha abolito la soglia minima di cambio con l’euro il 15 gennaio 2015.

Il numero sempre elevato di nuove infezioni da coronavirus negli Stati Uniti ha messo sotto pressione il dollaro nei confronti di molte importanti valute. Gli osservatori temono che la situazione dell’infezione peserà sulla ripresa economica. Anche la recente intensificazione del conflitto tra Cina e Stati Uniti pesa sulla moneta americana. Inoltre le proteste contro il razzismo negli Stati Uniti stanno causando disordini in alcune città.

Gli investitori spostano quindi i loro investimenti, tra l’altro, in franchi svizzeri, ma soprattutto in euro. Anche l’esperto di divise Ulrich Leuchtmann della Commerzbank, ad esempio, ha parlato di un rafforzamento dell’euro dopo che l’Unione europea ha recentemente concordato un pacchetto di aiuti per superare la crisi del coronavirus.

Di conseguenza, il tasso di cambio dell’euro ha continuato la sua recente salita. Nel pomeriggio ha toccato gli 1,1778 dollari, il valore più alto dal settembre 2018. L’euro ha guadagnato nettamente anche nei confronti del franco: la moneta unica è stata scambiata da ultimo a 1,0821, il livello più alto da quasi due mesi.

  • 1