Cloris Sciaroni
Libertà e verità sono conciliabili
Redazione
un anno fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Ventisette milioni di persone nel mondo vivono ancora in schiavitù (altro che libertà!) e oltre un miliardo di adulti non sanno leggere. Quindi chi assicura loro quali sono i loro diritti umani e come tutelarli? Dire che esiste ancora la democrazia è un’utopia, considerato che un’élite di pochi personaggi senza scrupoli gestisce la ricchezza mondiale e detta le leggi ai Governi e agli Stati, calpestando le più elementari norme di umanità. È bastata una “pandemia” per fermare il mondo e minacciare chi osava indagare, cercare la verità e diffonderla. Hanno sacrificato i nostri anziani, coloro che hanno lottato per ricostruire una Società distrutta da due guerre mondiali. E oggi questa stessa élite ci sta portando verso una nuova distruzione, manipolando le menti dei giovani fin dalla loro tenera età. Già perché non deve più essere compito dei genitori crescerli e educarli. Si crea persino confusione sulla loro identità sessuale. Mai come oggi siamo messi di fronte alla più grande sfida di questa era globalizzata, per cui dobbiamo restare vigili, rivolgersi a persone che ancora hanno a cuore la nostra salute mentale, fisica e spirituale. Molte sono ancora le persone a cui resta solo la piazza per urlare i loro diritti, reclamare le loro libertà. Le Donne sono spesso in prima fila.  Qui voglio ricordare alcune contemporanee, uccise nei loro paesi come Berta Cuceres in Honduras nel 2016, Daphne Caruana Galizia a Malta nel 2017, la brasiliana Marielle Franco a Rio nel 2018. E ancora oggi in Iran le donne sono minacciate.  Quando ho portato il nuovo movimento politico HelvEthica in Ticino, sono stata mossa dal fuoco sacro della giustizia, verità e libertà trasmessami nel DNA da mia madre. Sostenete dunque il nostro nuovo movimento politico votando la lista nr.8!

Cloris Sciaroni, candidata al Gran Consiglio per HelvEthica Ticino

I tag di questo articolo