“Tiriamo il freno d’emergenza per salvare le giornaliere FFS”
Un’interrogazione per chiedere al Governo di attivarsi con il supporto degli Enti locali e di esercitare la “giusta pressione” su Ffs e Alliance Swiss Pass
Redazione
“Tiriamo il freno d’emergenza per salvare le giornaliere FFS”

Nelle scorse settimane è giunta la notizia che Alliance Swiss Pass vuole abolire entro il 2023 le carte giornaliere FFS (Flexicard). Diversi Comuni ticinesi vendono le carte giornaliere a un prezzo molto conveniente per gli utenti (ca 30 fr. per i domiciliati e ca 40 fr. per i non domiciliati). “Tramite queste carte viene offerto un servizio alla popolazione che può così approfittare della fitta rete di trasporti svizzera dando un contributo alla mobilità sostenibile che, anche in Ticino, si sta cercando di promuovere in maniera importante”, spiega Alessandro Cedraschi(Plr) in un’interrogazione al Consiglio di Stato.

“L’abolizione di questo servizio annunciata da Alliance Swiss Pass va quindi contro la promozione del trasporto pubblico” che è invece necessario “rendere attrattivo e accessibile a tutti”. Con questa interrogazione chiede al Consiglio di Stato di attivarsi con il supporto degli Enti locali e di esercitare la “giusta pressione” su FFS e Alliance Swiss Pass affinché rivedano la loro prospettata decisione di abolire le carte giornaliere. “Diversi comuni si sono già attivati in questo senso e una presa di posizione ulteriore potrebbe cambiare la decisione annunciata”, conclude.

  • 1