“Per una Lugano aperta alla cultura alternativa”
È questo l’appello del Ps a margine dell’assemblea del partito a Lugano. Al Governo e al Municipio: “Identificare figure mediatrici valide”
di MMINO
“Per una Lugano aperta alla cultura alternativa”
© CdT/ Chiara Zocchetti

L’assemblea del Partito socialista di Lugano lancia un appello al Consiglio di Stato ed al Municipio di Lugano affinché si attivino concretamente “nell’identificazione di figure mediatrici valide per avviare il dialogo tra Municipio e CSOA, parti al momento estremamente lontane l’una dall’altra”.

È altresì importante - spiegano in una nota - “che vengano proposte da parte dell’ente pubblico più alternative per l’insediamento definitivo dell’autogestione, affinché l’avvio di una trattativa sia credibile”. L’assemblea invita anche il Municipio a farsi promotore di un rinnovato dialogo fra la Città ed i vari attori del mondo culturale cittadino: “in particolare chiede che le nuove realtà che nascono dal basso possano essere riconosciute e trovare il loro spazio nella principale realtà urbana ticinese, arricchendo la sua vita culturale”, conclude la nota.

  • 1