Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”
Un fulmine la probabile causa dell’incendio, che da una settimana impegna i pompieri. La polizia: “Evitate escursioni nella zona”
di ls
Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”
Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”
Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”
Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”
Cima della Trosa: “Il vento ha riacceso il rogo”

Ha ripreso vigore questa mattina l’incendio che da una settimana sta interessando le pendici della Cima della Trosa, presso Cimetta. Il rogo è stato probabilmente innescato da un fulmine mercoledì scorso e il vento di ieri ha riattivato il focolaio, ci spiega Luca Nisi di Meteosvizzera. “In questo periodo non sono rari i fulmini in montagna e sulle Alpi che possono causare incendi boschivi, soprattutto in aree dove il terreno è piuttosto secco. Il fuoco tende a rimanere nel sottosuolo, come una brace, senza essere visibile”.

L’allarme è stato lanciato dallo stesso Nisi che giovedì si trovava in montagna a Vogorno quando ha visto il rogo. I pompieri di montagna di Locarno sono riusciti a domare le fiamme e per una settimana hanno monitorato la situazione visto che il terreno ha continuato a bruciare nel sottosuolo. Questa mattina si sono nuovamente recati sul posto. Al momento è pure impiegato un elicottero per le opere di spegnimento.

“Il problema sono le raffiche di vento” prosegue Nisi. “Ieri sera non ci sono state piogge, ma i temporali hanno portato raffiche di 80-90 km/h nella zona. Queste condizioni hanno riattivato l’incendio”.

La Polizia: “Evitate escursioni nella zona”

La polizia raccomanda agli escursionisti di evitare di recarsi sul posto. Alcuni sentieri d’accesso o di passaggio nella zona dell’incendio sono chiusi al pubblico.

  • 1