Accedi

Basta amianto nelle scuole

Il SISA (Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti) chiede una lista di tutti gli edifici pubblici contaminati dall’amianto

Il SISA (Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti) ha diramato oggi un comunicato stampa con il quale chiede una lista di tutti gli edifici pubblici contaminati dall’amianto.

Il comunicato inizia facendo riferimento alla situazione della Scuola di Commercio di Bellinzona“È notizia di pochi giorni fa: il DECS ha finalmente deciso di dare ascolto al SISA bonificando la Scuola cantonale di commercio di Bellinzona su alcuni piani per eliminare nei corridoi e nel sottotetto alcune centinaia di metri quadrati di amianto floccato e di eternit. Il SISA avvertiva già dal 2005 della situazione precaria in cui gli studenti della SCC versavano, minacciati dalle gravi conseguenze che queste sostanze cancerogene possono causare alla salute.”

Continua quindi chiedendo una lista di tutti gli edifici pubblici nei quali si trova dell’amianto, lista che, a quanto pare non è mai stata divulgata.”Simili casi erano stati constati dal nostro sindacato anche alla CPC di Lugano, oppure al Liceo di Bellinzona, dove - come ammise l'allora direttore dell’Istituto Rocco Sansossio - tracce di amianto sono state trovate, ma in quantità non preoccupanti.

Siamo sicuri che anche una così piccola quantità non possa incidere sulla salute degli allievi, del personale e dei docenti che passano tanto tempo nella scuola? La rete Info Amianto - l'ente cantonale che si occupa dei problemi legati all’amianto e che detiene la lista con i nomi di tutti gli edifici pubblici del cantone costruiti con amianto - non ha mai voluto pubblicare l’elenco con gli edifici costruiti con l’utilizzo di amianto, e questo con la scusa-copertura della legge sulla protezione dei dati, nonostante questa ennesima scoperta di edificio pubblico, una scuola (sic!), colpito dal problema”.

Per il SISA si tratta di pura “omertà”, infatti, come conclude il comunicato: “Che questi dati vengano finalmente pubblicati, che la si faccia finita con l'omertà da parte delle autorità e che si proceda subito alla verifica ed eventualmente alla bonifica di tutti gli edifici pubblici che ancora registrano la presenza di questa sostanza!
Minols | 7 mar 2011 10:58