Accedi
Commenti 10

Mortale di Rancate: gli inquirenti interrogheranno il medico

Per stabilire cosa è successo sabato sera, sarà ascoltato colui che ha attestato l’idoneità alla guida del 92enne

Continua l’inchiesta per capire cosa possa aver spinto, sabato sera, un 92enne a fare inversione di marcia sulla A2, finendo in contromano e provocando l’incidente che gli è costato la vita all’altezza di Rancate. Nell’ambito degli accertamenti, gli inquirenti vogliono sentire anche il medico che ha attestato l’idoneità alla guida dell’anziano, lo ha rivelato Teleticino.

Infatti dopo i 75 la visita medica è obbligatoria per chi intende continuare a condurre una vettura. Ma questo non basta, è infatti importante che siano gli stessi conducenti a mettersi sotto esame, come spiega Norman Gobbi, direttore del Dipartimento delle istituzioni: “È importante la responsabilità individuale dell’anziano stesso che magari decide di rinunciare alla macchina perché si sente poco sicuro, come quella di chi sta vicino agli anziani, che può riconoscere i potenziali rischi. A volte avviene con segnalazioni all’Ufficio della circolazione da parte di parenti o dei medici curanti”.

Sembra invece impossibile immaginare un ritiro generalizzato della patente a una certa età: “Diventa difficile giustificare il ritiro per tutti gli anziani della patente, perché colpirebbe anche chi in molti anni non ha mai provocato incidenti”, spiega il direttore Norman Gobbi.

Guarda il servizio di Teleticino.

Teleticino | 10 feb 2020 19:51

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'