Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Frana a Melano, ora s'indaga sotto le macerie

Sono terminati i lavori di sgombero in via Bressanella dove il 4 ottobre una casa fu travolta da 250 metri cubi di terra

Il 4 ottobre scorso 250 metri cubi di terra franarono contro una villa di via Bressanella a Melano. A cedere sul retro della villa un grosso muro di contenimento. In pochi secondi l’abitazione venne travolta. In casa, erano circa le 8:30, era presente un famigliare.

Ora i lavori di sgombero sono terminati e il terreno è stato riportato allo stato naturale. Un passaggio fondamentale per ricostruire la dinamica dell’accaduto e per valutare lo stato di salute del muro di contenimento che quella mattina cedette, portandosi via parte dell’abitazione.

Il lavoro dei periti giudiziari ora potrà quindi entrare nel vivo. Intanto i primi accertamenti hanno stabilito la presenza di tre muri distinti, quello grande che ha ceduto e poi sotto altri due, più piccoli e recenti. Secondo nostre informazioni sarebbe uno di questi muri più piccoli ad aver mostrato nel tempo segni di cedimento. Ciò che spinse l’autorità comunale a chiedere una messa in sicurezza del muretto. Alla fine però, su decisione cantonale, si optò per un semplice monitoraggio. Ma in realtà la minaccia veniva dal grande muro di contenimento.

Di qui le domande cui dovrà rispondere la procuratrice pubblica Valentina Tuoni titolare dell’inchiesta. A chi spettava il compito di controllare il sistema di monitoraggio? Venne calibrato correttamente? E poi soprattutto il muro di contenimento fu costruito secondo le norme edilizie?

Guarda il servizio di Teleticino.

Teleticino | 18 gen 2020 18:55

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'