Accedi
Commenti

"Salva Monte Bré", la palla passa al Legislativo

Il Municipio ha sottoposto l'iniziativa al Consiglio comunale

Toccherà al Consiglio comunale di Locarno esprimersi sull'iniziativa popolare “Salva Monte Bré”, presentata il 3 maggio 2019. Il Municipio di Locarno la sottoporrà infatti al Legislativo così come presentata dagli iniziativisti, ovvero senza messaggio accompagnatorio o controprogetto.

Il testo, che ha raccolto 1'868 firme valide, chiede di adattare la disciplina edilizia della zona montana del Piano regolatore Settore 3 (Monte Bré e Cardada-Colmanicchio) "al fine di permettere uno sviluppo del comparto montano della Città compatibile con il carattere di quartieri discosti, destinati ad una residenza e ad attività turistiche e alberghiere a bassa densità" e, dunque, scongiurare la realizzazione di un maxi-resort (vedi articoli suggeriti). 

Dopo la necessaria valutazione da parte della commissione Piano regolatore, il Consiglio comunale dovrà esprimersi nel merito, sia elaborando l’iniziativa stessa, sia eventualmente presentando un controgetto da sottoporre al voto popolare.

Dal canto suo il Municipio ha conferito mandato ad un pianificatore di allestire la documentazione necessaria per l’istituzione di una zona di pianificazione, la cui consegna è prevista a settembre.

 

Redazione | 25 lug 2019 15:14

Articoli suggeriti
Il comitato Salva Monte Brè: "Bene la Zona di Pianificazione, ma non smetteremo di controllare"
Lo ha deciso il Municipio di Locarno per salvaguardare il comparto in attesa di una soluzione equilibrata sul maxi resort
L'associazione di quartiere Pro Monte Brè chiede una moratoria temporanea atta a stabilire una zona di pianificazione per comprensori esattamente delimitati
Scherrer: "Assegneremo un mandato per una verifica del PR". I promotori nel frattempo svelano ulteriori dettagli
La Salva Monte Bré invia al Municipio la documentazione del progetto: "La Augur è piena di debiti, c'è il rischio di una cattedrale nel deserto"
Anche fuori dal Ticino si comincia a parlare del progetto, soprattutto delle difficoltà incontrate nella ricerca di investitori e nell'opposizione della cittadinanza
Ufficiosamente riuscita l'iniziativa popolare che punta a modificare il Piano regolatore comunale
PS e Verdi: " non si tratta di mettere il carro davanti ai buoi, ma evitare che i buoi escano anzitempo dalla stalla"
L'Associazione Salva Monte Brè replica al PLR di Locarno: "Non ci sostengono solo personalità di sinistra, anzi"
Il PLR di Locarno bacchetta l'associazione, i Verdi e il PS: "Gridare “al lupo, al lupo!” adesso è inopportuno"
Lo scopo è quello di preservare i quartieri montani della Città di Locarno impedendo la costruzione di un maxiresort
Ad animare la manifestazione pubblicata anche un'azione teatrale messa in scena dal Teatro dei Fauni
Il Partito Comunista esprime il massimo sostegno alla giornata di mobilitazione di domani organizzata da 'Salva Monte Bré'
L'associazione Salva Monte Bré annuncia una giornata di azione sabato 9 marzo
Due consiglieri comunali interpellano il Municipio di Locarno: "Traffico, fognature e altri problemi: si ha idea dell'impatto che avremo?"
Pier Mellini: "Cosa succederebbe se l’estensione del prospettato progetto raddoppiasse nei prossimi anni?"
Dei documenti svelano i costi (faraonici) per la costruzione del resort tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno
Tre consiglieri comunali PS chiedono lumi al Municipio di Locarno sul progetto "megalomane e altamente invasivo"
L'Associazione Salva Monte Brè: "Vogliono comprare e distruggere le case di Brè per saccheggiare un paradiso naturale"
C'è chi si oppone al progetto tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno: "Mancanza di trasparenza e dissimulazione. Ma noi lotteremo"
Una giuria, di cui farebbe parte il sindaco Scherrer, dovrà decidere chi si occuperà del design della struttura. Ma...
La struttura dovrebbe estendersi per quasi 30mila mq. Ma aumenta il malcontento tra gli abitanti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'