Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 4

Maxi resort, il Municipio vuole verifiche pianificatorie

Scherrer: "Assegneremo un mandato per una verifica del PR". I promotori nel frattempo svelano ulteriori dettagli

Hotel di lusso con centro SPA vista lago, appartamenti, spazi commerciali e pure un campo da golf. Il maxi progetto turistico previsto a Monte Brè sopra Locarno solleva tanta curiosità quanta preoccupazione.

Sull’attenti, in primo luogo, i cittadini riuniti nell’Associazione Salva Monte Brè che oggi hanno recapitato un fascicolo a giornalisti e Municipio (vedi foto). Lo stesso documento che la società immobiliare svittese Augur Invest, promotrice del progetto, avrebbe distribuito ai potenziali investitori, sostiene l'Associazione in una nota. Un’esposizione dettagliata di un disegno che allo stato attuale si presenta per la verità ancora molto fumoso, nonostante la maggior parte dei lotti sia già stata venduta.

Contattato dai colleghi di TeleTicino, il sindaco Alain Scherrer ribadisce: “Ci esprimeremo se e quando a Palazzo Marcacci giungerà una domanda di costruzione”. Ma annuncia: “Assegneremo un mandato ad un pianificatore territoriale per una verifica del piano regolatore attuale e in ottica futura”. Una decisione, specifica ancora Scherrer, “presa prima del lancio di un’iniziativa volta proprio a modificare il PR” e che, aggiungiamo noi, implicitamente non esclude possibili accorgimenti.

Nel fascicolo non mancano poi informazioni dettagliate sulle potenzialità turistiche del Ticino e le sue norme fiscali. Il tutto con una premessa: “Caro investitore, la Augur Invest sta cercando 34 milioni. Ma non c’è nessuna garanzia che il progetto vada in porto”. Una frase che non fa che accrescere i timori dell’Associazione, la quale invita il Municipio a considerare al più presto i contenuti dell’iniziativa popolare.

Molti i quesiti che rimangono ancora aperti, come l’entità definitiva del progetto, lo stato attuale, la tabella di marcia ed i possibili scenari futuri. Quesiti che TeleTicino ha sottoposto ai vertici della Augur Invest. 

"L'ex Hotel Monte Brè" si legge nella presa di posizione del gruppo, "sarà ristrutturato e dovrebbe riaprire nel 2023 con l'intento di rivitalizzare l'attraente destinazione di montagna. La pianificazione attuale è prevista su un'area di circa 1.5 ettari. Le strutture potrebbero includere circa 24 camere d'albergo, un numero di appartamenti alberghieri ancora da definire e una scelta di catering, meeting, negozi, ampi spazzi per bambini, e altri impianti per lo sport e il benessere. Gli impianti benessere-spa saranno accessibili sia agli ospiti dell'hotel che ai visitatori esterni".

Il progetto ha attraversato una "fase di preparazione di alcuni anni, durante la quale si sono tenute discussioni con possibili operatori, ma anche con parti locali". Lo sviluppo apporterà "posti di lavoro sia nella fase di costruzione che in quella operativa". Il promotore assicura infine che "si impegnerà ad assumere personale locale, con l'aspettativa che la maggior parte dei posti di lavoro verranno occupati da abitanti del luogo".

L'intento di Augur Invest è ora quello di entrare in una fase successiva di pianificazione e presentare "formalmente il progetto alle autorità a tempo debito".

Maggiori dettagli nell'edizione odierna del TG di TeleTicino 

 

Redazione | 13 mag 2019 20:45

Articoli suggeriti
La Salva Monte Bré invia al Municipio la documentazione del progetto: "La Augur è piena di debiti, c'è il rischio di una cattedrale nel deserto"
Anche fuori dal Ticino si comincia a parlare del progetto, soprattutto delle difficoltà incontrate nella ricerca di investitori e nell'opposizione della cittadinanza
Ufficiosamente riuscita l'iniziativa popolare che punta a modificare il Piano regolatore comunale
I promotori del progetto avrebbero intenzione di concentrare tutto al Monte Brè
PS e Verdi: " non si tratta di mettere il carro davanti ai buoi, ma evitare che i buoi escano anzitempo dalla stalla"
L'Associazione Salva Monte Brè replica al PLR di Locarno: "Non ci sostengono solo personalità di sinistra, anzi"
Il PLR di Locarno bacchetta l'associazione, i Verdi e il PS: "Gridare “al lupo, al lupo!” adesso è inopportuno"
Lo scopo è quello di preservare i quartieri montani della Città di Locarno impedendo la costruzione di un maxiresort
Ad animare la manifestazione pubblicata anche un'azione teatrale messa in scena dal Teatro dei Fauni
Il Partito Comunista esprime il massimo sostegno alla giornata di mobilitazione di domani organizzata da 'Salva Monte Bré'
L'associazione Salva Monte Bré annuncia una giornata di azione sabato 9 marzo
Il Municipio di Locarno chiarisce: "Non c'è ancora una domanda di costruzione". Sirica: "Piuttosto blocco la strada"
Due consiglieri comunali interpellano il Municipio di Locarno: "Traffico, fognature e altri problemi: si ha idea dell'impatto che avremo?"
Pier Mellini: "Cosa succederebbe se l’estensione del prospettato progetto raddoppiasse nei prossimi anni?"
Dei documenti svelano i costi (faraonici) per la costruzione del resort tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno
Tre consiglieri comunali PS chiedono lumi al Municipio di Locarno sul progetto "megalomane e altamente invasivo"
L'Associazione Salva Monte Brè: "Vogliono comprare e distruggere le case di Brè per saccheggiare un paradiso naturale"
Il direttore di TicinoTurismo Elia Frapolli smentisce un sostegno incondizionato: “Non conoscendo i dettagli è impossibile esprimere un parere”
C'è chi si oppone al progetto tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno: "Mancanza di trasparenza e dissimulazione. Ma noi lotteremo"
Una giuria, di cui farebbe parte il sindaco Scherrer, dovrà decidere chi si occuperà del design della struttura. Ma...
La struttura dovrebbe estendersi per quasi 30mila mq. Ma aumenta il malcontento tra gli abitanti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'