Accedi
Commenti 1

"Siamo apartitici e la nostra lotta non si riduce alla concorrenza tra partiti"

L'Associazione Salva Monte Brè replica al PLR di Locarno: "Non ci sostengono solo personalità di sinistra, anzi"

Riceviamo e pubblichiamo la replica dell'Associazione Salva Monte Brè alla presa di posizione della sezione PLR di Locarno:

È con grande curiosità che abbiamo appreso la posizione della sezione PLR di Locarno riguardo alla nostra azione (vedi articolo suggerito). In primo luogo vorremmo ringraziarli, perché in effetti la questione merita attenzione e merita di essere discussa. Sono l'indifferenza e l'apatia il nostro principale avversario, non opinioni che contrastano con le nostre; anzi, accogliamo con favore tutte le opinioni, per quanto controverse possano essere.

Per riassumere:

  1. Il PLR ritiene che noi "gridiamo al lupo" e che sia sbagliato "demonizzare e ostacolare a priori i progetti di chi ha investito nell'acquisto di terreni".
  2. Indica che non è stato presentato alcun progetto o domanda di costruzione e che la nostra azione è quindi prematura.
  3. Ritiene che il sostegno da noi ricevuto, che include (ma non si limita assolutamente) a personalità di sinistra, sia opportunistico e con fini elettorali, e che quindi non riflette alcuna ambizione di verità e di giustizia.

In primo luogo, vorremmo respingere con forza questo terzo punto. I promotori dell'iniziativa sono persone appartenenti a diversi partiti (tra cui un certo numero di liberali radicali) e abitanti/proprietari del Monte Brè. L’associazione “Salva Monte Brè” che sostiene l’iniziativa è apartitica. Ci rifiutiamo categoricamente di ridurre la nostra lotta a una semplice concorrenza tra partiti.

Riteniamo inoltre che sia estremamente inopportuno, in una democrazia, mettere in dubbio in questa maniera le intenzioni di coloro ai quali ci si oppone. Viviamo in un sistema partecipativo e ognuno ha diritto alle proprie opinioni. Mettere in questione le motivazioni profonde delle persone in questo modo, piuttosto che concentrarsi sulle idee presentate, fa regredire la democrazia.

Al contrario, crediamo che tutti condividiamo la stessa ambizione, che è quella di lasciare ai nostri figli una società libera e prospera. Possiamo non essere d'accordo su come raggiungere questo obiettivo, ma non attaccheremo mai i valori o le motivazioni dei nostri concittadini. Non ci verrebbe mai in mente, ad esempio, di accusare i rappresentanti del PLR di essere subordinati a interessi diversi da quelli degli elettori locarnesi. Sarebbe demagogico, oltraggioso e irresponsabile: invitiamo quindi i nostri interlocutori a mantenere la stessa levatura.

Per quanto riguarda i primi due punti, corrispondono a una critica che a volte sentiamo. Abbiamo già parzialmente risposto nel nostro articolo "risposta all'apatia", al quale possiamo aggiungere questo:

  • Le domande di costruzione saranno frammentate e incrementali. Non riveleranno mai la natura completa e integrata del "maxi-resort" come invece la conosciamo oggi grazie alla documentazione dei promotori e all'estensione e al numero delle case e dei terreni già acquistati. Da quello che si può dedurre dagli opuscoli dei promotori il progetto ha una portata territoriale notevole che non può essere affrontata come se si avesse davanti un progetto normale. Già solo il fatto che un progetto di tale portata potrebbe essere realizzato in quei comparti montani della città indica che probabilmente vi è un problema di piano regolatore, proprio ciò che si vuole affrontare con l’iniziativa popolare.
  • Se non fossimo stati a conoscenza delle loro reali intenzioni prima della richiesta dei permessi di costruzione, non avremmo mai potuto chiedere misure sospensive di conservazione nell'ambito dei ricorsi che intendiamo presentare. Né avremmo avuto il tempo di studiare adeguatamente l'impatto ambientale di questo progetto faraonico e farlo valere nei suddetti ricorsi.
  • È nell'interesse dei promotori mantenere il più a lungo possibile la massima segretezza, perché è proprio dal segreto che dipende il successo di un progetto di questo tipo. Tuttavia, se molti fondi di investimento in tutto il mondo hanno ricevuto questa stessa documentazione, perché negarla agli abitanti della regione direttamente coinvolta? Il segreto è stato tenuto per molto tempo, e anzi gli abitanti del Monte Brè si sono scontrati con una vera e propria disinformazione, prima che la nostra associazione (e dei coraggiosi giornalisti locali) rivelasse la verità lo scorso autunno.

Per quanto riguarda le obiezioni alla nostra iniziativa popolare, ci riserviamo di rispondere il giorno in cui avremo raccolto tutte le firme. Il dibattito dovrebbe aver luogo solo a quel momento. Ricordiamo semplicemente che non si tratta di ostacolare lo sviluppo normale e organico del territorio, ma semplicemente di impedire i progetti alberghieri faraonici (conformemente alle nuove disposizioni cantonali e federali in vigore).

Il risultato di un'iniziativa popolare, per definizione, è quello di esprimere un'opinione pubblica e democratica; non quella di una singola associazione. Anticipare questo dibattito e sottintendere che una simile iniziativa sia dannosa a priori non va certo a favore di coloro che difendono tale posizione: anche se probabilmente è una minoranza all'interno del PLR. Coloro che ritengono che questo dibattito debba aver luogo, a prescindere da eventuali reticenze sui nostri metodi, sono invitati a firmare l'iniziativa e ad aiutarci nella raccolta delle firme. 

Per concludere, vorremmo ricordare agli autori di questa presa di posizione ciò che tutti già sanno: il liberalismo economico non prevede da nessuna parte l'esistenza di un Politburo che manipoli segretamente i tassi di interesse e la quantità di denaro in circolazione, causando proprio questo tipo di bolla e squilibrio di cui il "Lago Maggiore Grand" è un sintomo. Ci aspetteremmo per questo una vostra posizione a favore dei produttori, dei risparmiatori e della libertà economica; ci aspettiamo cioè che vi uniate alla nostra causa, per uno sviluppo organico e sano della nostra bella regione montana.

Redazione | 29 mar 2019 10:16

Articoli suggeriti
Il PLR di Locarno bacchetta l'associazione, i Verdi e il PS: "Gridare “al lupo, al lupo!” adesso è inopportuno"
Lo scopo è quello di preservare i quartieri montani della Città di Locarno impedendo la costruzione di un maxiresort
L'associazione Salva Monte Bré annuncia una giornata di azione sabato 9 marzo
Il Municipio di Locarno chiarisce: "Non c'è ancora una domanda di costruzione". Sirica: "Piuttosto blocco la strada"
Due consiglieri comunali interpellano il Municipio di Locarno: "Traffico, fognature e altri problemi: si ha idea dell'impatto che avremo?"
Il promotori del progetto annunciano: "la domanda di costruzione entro il 2019. "Sbagliato agitarsi"
Dei documenti svelano i costi (faraonici) per la costruzione del resort tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno
Tre consiglieri comunali PS chiedono lumi al Municipio di Locarno sul progetto "megalomane e altamente invasivo"
L'Associazione Salva Monte Brè: "Vogliono comprare e distruggere le case di Brè per saccheggiare un paradiso naturale"
Il direttore di TicinoTurismo Elia Frapolli smentisce un sostegno incondizionato: “Non conoscendo i dettagli è impossibile esprimere un parere”
C'è chi si oppone al progetto tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno: "Mancanza di trasparenza e dissimulazione. Ma noi lotteremo"
Una giuria, di cui farebbe parte il sindaco Scherrer, dovrà decidere chi si occuperà del design della struttura. Ma...
La struttura dovrebbe estendersi per quasi 30mila mq. Ma aumenta il malcontento tra gli abitanti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'