Accedi
Commenti 1

Legge sulla Polizia, "Ecco perché abbiamo ricorso"

Filippo Contarini e Martino Colombo spiegano i motivi che li hanno spinti a rivolgersi al Tribunale federale

Qualche giorno fa i giuristi ticinesi Filippo Contarini e Martino Colombo hanno inoltrato ricorso al Tribunale federale (TF) contro la revisione della Legge cantonale sulla Polizia, chiedendo l’annullamento delle modifiche approvate dal Gran Consiglio lo scorso 10 dicembre (vedi articolo suggerito).

I due giuristi - che, ricordiamo, si erano già rivolti ai giudici di Mon Repos inoltrando ricorso contro la legge sulla dissimulazione del volto (LDiss) e la modifica della Legge sull’ordine pubblico (LOrP), emanate dal Gran Consiglio ticinese nel novembre 2015 - hanno spiegato le regioni che li hanno spienti a rivolgersi ai giudici di Mon Repos in uno scritto che riportiamo integralmente di seguito:

"'Una branda, uno sgabello, un tavolino e una piccola finestra: così si presentava la tipica cella delle carceri pretoriali. Queste le parole della nostra RSI, che anni fa descriveva la situazione miserabile delle vecchie strutture per il carcere preventivo - scrivono Contarini e Colombo - Le pretoriali non riapriranno con la riforma della Legge sulla polizia approvata dal Gran consiglio a dicembre 2018, ma aprirà una nuova forma di incarcerazione preventiva della durata di 24 ore che non sarà molto dissimile: la custodia di polizia. A differenza delle vecchie pretoriali, ora potrai essere sbattuto dentro senza lo straccio di un sospetto. Proprio perché non hai fatto niente possono dirti “è una misura amministrativa, non penale”. È paradossale: se fossi sospettato di qualcosa avresti almeno i diritti garantiti dal Codice di Procedura penale".

"Pensavate di essere ancor ai piedi dell’Adula, e invece ben risvegliati in America, care e cari concittadini ticinesi. La polizia decide che dai fastidio, quindi finisci dietro le sbarre. Peggio: qualcuno ha deciso di diffamarti dicendo che dai fastidio, e finisci dietro le sbarre. È chiaro: per un giorno, non per la vita intera. Ma non potrai nemmeno sapere chi avrà fatto la delazione, perché la legge protegge anche chi parla male di te in cattiva fede. Questo il nostro messaggio democratico: bisogna opporsi a leggi di polizia drastiche. Per questo abbiamo contestato la riforma della Legge di polizia con un ricorso al Tribunale federale. Non ci sta bene che la polizia possa entrare nel nostro natel senza uno straccio di sospetto d’aver commesso un reato. “Non ho niente da nascondere”, questa la filastrocca che alcuni usano di fronte a queste riforme. “Sul serio?” rispondiamo noi: allora togliete la password dal vostro Smartphone… siete sicuri che la nostra intimità non abbia nessun valore? Siano esse idee, orientamenti sessuali, persino innovazioni tecnologiche: ogni tanto puoi trovarti dalla parte sbagliata della morale pubblica, può succedere addirittura per caso".

"Per questo è importante che la repressione della polizia possa intervenire solo in presenza del sospetto della violazione di una legge (anzitutto penale). La riforma della Legge di polizia permette invece ai poliziotti di usare misure repressive facendosi guidare dalla morale. Ma c’è una bella differenza tra ordinamento giuridico e la (presunta) morale pubblica! La riforma della Legge di polizia dà il diritto ai poliziotti di prelevare i minorenni da qualsiasi luogo solo perché ritenuto inadeguato (ad esempio una riunione politica? O addirittura il Macello?). Eppure anche i sedicenni hanno il diritto di essere trattati conformemente alle leggi svizzere, il Codice civile riconosce loro la capacità discernimento e di amministrazione dei propri soldi".

"Il Diritto ha ancora un valore in questo Paese? Il parlamento ha dato carta bianca alla polizia, che risponde al ministro Gobbi, senza prevedere istanze di controllo immediato. È quindi diventata una polizia politica. Non devi essere sospettato di aver fatto qualcosa di illegale, basta che pensino che sei “pericoloso”, che disturbi. Ti possono piazzare una cimice GPS. Ti possono controllare online. Ti possono sbattere 24 ore in cella, ad esempio, perché avresti parlato a una manifestazione. Non è diritto penale, quindi il procuratore non può intervenire. Nessun giudice di picchetto (la riforma non prevede un aumento delle spese per la magistratura!). Rimane solo la Grazia del ministro della polizia. Sua Indipendenza in persona. Noi non ci stiamo. È ricorso. Difficilissimo vincerlo, e stavolta non essere avvocati ci ha posto di fronte ad una montagna da scalare. Ci sono precedenti che difendono leggi simili in altri cantoni. Ci sono ostacoli formali da saltare".

"Forse scivoleremo a un appiglio troppo difficile per noi da afferrare. Siamo comunque profondamente grati a quelle persone fenomenali, in particolare giuristi, che ci hanno dato le corde e i chiodi per approcciare il muro. Ma era necessario provare la scalata: vogliamo che i Giudici a Losanna ce lo dicano guardandoci negli occhi che alla cultura svizzera sta bene mandare a quel paese il nostro Stato di diritto".

 

Redazione | 14 mar 2019 16:00

Articoli suggeriti
Matteo Pronzini (MPS) chiede al Governo di confermare se le modifiche di legge sono entrate effettivamente in vigore
Norman Gobbi non si dice preoccupato del ricorso al TF sulla legge di polizia: "Le norme già previste in altri Cantoni"
A inoltrarlo i giuristi Martino Colombo e Filippo Contarini. Chiesto l'annullamento delle modifiche approvate dal GC
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'