Accedi
Commenti 12

Accordo quadro: Il Consiglio di Stato dice No

Il Governo si oppone alla proposta di accordo quadro istituzionale tra Svizzera e Unione Europea

Il Consiglio di Stato ha preso posizione sulla consultazione indetta dalla Conferenza dei Governi cantonali (CdC) sulla proposta di accordo quadro istituzionale tra Svizzera e Unione Europea. Il Governo ticinese, allo stadio attuale, è contrario al progetto a causa di lacune soprattutto rispetto alla posizione dei Cantoni, e in particolare a quella del Ticino, per quanto concerne le misure di accompagnamento alla libera circolazione, la direttiva sulla libera circolazione dei cittadini dell’UE e gli aiuti di Stato.

Il Governo segnala che il progetto di accordo quadro istituzionale posto in consultazione dal Consiglio federale è gravato da diverse lacune e di conseguenza vi si oppone. Da una prospettiva ticinese, risulta inaccettabile l’indebolimento delle attuali misure di accompagnamento all’Accordo sulla libera circolazione delle persone, in particolare la norma degli otto giorni.

In tema di aiuti statali, il Consiglio di Stato considera inoltre particolarmente problematico il «quadro regolamentare orizzontale» previsto a tutela del buon funzionamento del mercato interno. Questa soluzione intacca i fondamenti stessi del federalismo e le competenze dei Cantoni in diversi ambiti cruciali come fiscalità, aiuti regionali, aiuti all’insediamento di aziende e garanzie per le banche cantonali.

Il Governo ticinese esprime infine preoccupazione in merito all’approvazione – attualmente in corso all’interno dell’UE – del regolamento che coordina i sistemi di sicurezza sociale. La ripresa della direttiva da parte della Svizzera avrebbe conseguenze estremamente pesanti per la Confederazione e per il Cantone Ticino, istituendo l’obbligo di versare indennità ai lavoratori frontalieri disoccupati. Il tema ha un’importanza capitale per la Svizzera e il Ticino, poiché – oltre a provocare svariate centinaia di milioni di franchi di costi supplementari per le casse della Confederazione – la misura aumenterebbe ulteriormente la pressione sul nostro mercato del lavoro, rendendolo ancora più attrattivo per la manodopera italiana.

“Un progetto inaccettabile, ci sono dei limiti oltre ai quali non si può andare - ha commentato il presidente del Governo Claudio Zali - Una decisione storica. È la prima volta che il Consiglio di Stato bocca un tema europeo in consultazione”.

Redazione | 14 mar 2019 09:26

Articoli suggeriti
Dall'incontro tenutosi tra i rappresentanti dei partiti in parlamento e l'Esecutivo non sono emersi cambiamenti
La raccomandazione arriva da dirigente sindacale europeo. "Non è un buon accordo"
I partiti si sono espressi a margine della sessione primaverile delle Camere federali
Il Partito socialista svizzero è favorevole alla conclusione di un accordo istituzionale con l'Unione europea
Il gruppo democentrista alle Camere ha respinto all'unanimità l'intesa. "Il CF elabori un piano B"
Come già preannunciato negli scorsi giorni UDC e Lega hanno lanciato un'iniziativa cantonale
Due perizie rilevano incompatibilità con l'accordo di libera cicolazione delle persone
Gli Stati membri invitano il Consiglio federale a trasmetterlo al Parlamento in primavera al termine della consultazione
Per i ricercatori se non si troverà un'intesa con l'UE ci saranno conseguenze negative per la Confederazione
Lo ha dichiarato il segretario di Stato responsabile dei negoziati con l'Ue Roberto Balzaretti questa sera a Losanna
Lo dichiara il presidente della delegazione AELS/UE Hans-Peter Portmann al termine di un incontro con la delegazione del Parlamento europeo
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'