Accedi
Commenti 1

"Giusto informare i dipendenti di abusi salariali e multe"

La Commissione della gestione invita il Gran Consiglio ad approvare l'iniziativa cantonale del PPD

I dipendenti attivi nei settori sottoposti ai contratti normali di lavoro devono avere il diritto di essere informati degli abusi salariali compiuti oltre a multe e sanzioni comminate ai datori di lavoro. Ne è convinta la Commissione della gestione e delle finanze, che negli scorsi giorni ha dato luce verde all'iniziativa cantonale presentata lo scorso 1. marzo dal presidente del PPD Fiorenzo Dadò e dal vicepresidente Giorgio Fonio a nome del Gruppo PPD+GG che chiede di modificare in tal senso la legge sui distaccati.

L’iniziativa, ricordiamo, punta direttamente alle Camere federali e segue la proposta, recentemente approvata in Parlamento, di un controllo sistematico dei permessi e “gli atti a firma dei deputati Marco Passalia e Gianni Guidicelli” che negli scorsi anni erano intervenuti “toccando tre questioni cruciali” (l’aumento dei controlli e delle multe per quei prestatori di servizio esteri che non rispettano le regole del mercato del lavoro; la pubblicazione di una lista nera delle aziende o persone sanzionate e volutamente non in regola abbinata alla proposta provocatoria di creare anche una lista di chi i padroncini li chiama; un maggiore coordinamento attraverso un unico ente di tutti gli interventi e gli attori coinvolti nei vari livelli dell’amministrazione pubblica).

La Commissione ha sottoposto detta iniziativa, tramite il Consiglio di Stato, ad una valutazione tecnica da parte dell’Ufficio dell’ispettorato del lavoro (UIL) e, preso atto delle sue conclusioni, nel suo rapporto del 6 novembre invita dunque il Gran Consiglio ad approvarla.

In ogni caso non ci sarà una sorta di 'lista pubblica': il datore di lavoro dovrà infatti informare "puntualmente e personalmente" solo i propri dipendenti sulle risultanze emerse dalle verifiche condotte dall’autorità.

Redazione | 9 nov 2018 07:43

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'