Accedi
Commenti

Statale 34: "Tratto di strada fragile e delicato"

Frontalieri in battello dopo la frana. Zali conta sull'esecuzione dei lavori promessi sul versante italiano

Statale 34 chiusa a tempo indeterminato. Nonostante i lavori di rimessa in sicurezza siano in corso, la strada che collega Intra alla Svizzera è ancora impraticabile per la frana caduta martedì 6 novembre tra Cannobio e Cannero.

Una situazione che complica non poco la vita dei molti frontalieri che la percorrono quotidianamente per raggiungere il Ticino. Da ieri, per loro, sul Lago Maggiore sono stati introdotti dei battelli supplementari. Chi vive a sud dello smottamento infatti ha poche alternative, a meno di fare le Centovalli, per un viaggio di circa due ore.

La pericolosità della Statale 34 è un tema discusso ormai da anni, dopo le numerose frane che sono cadute a intervalli più o meno regolari (fino a quella del 18 marzo 2017, quando aveva perso la vita un motociclista ticinese). Così anche i pendolari diretti in Ticino sperano che venga mantenuta la promessa di una messa in sicurezza definitiva grazie alla costruzione di alcune gallerie.

"È un tratto di strada molto delicato e fragile, con queste precipitazioni c'era da attendersi, purtroppo, che qualcosa poteva succedere. Anche noi abbiamo avuto qualche scoscendimento" commenta il direttore del Dipartimento del Territorio Claudio Zali, interpellato dai colleghi di TeleTicino. "Fortunatamente non è successo nulla di grave. Evidentemente esprimiamo preoccupazione e attendiamo - e questa è la buona notizia - l'esecuzione dei lavori promessi con stanziamenti importanti già disponibili nell'ordine dei 70 milioni di euro".

"Sono in contatto con il sindaco locale" ha aggiunto il ministro, a cui è stato assicurato che la frana viene sgomberata e il versante rimesso in sicurezza nella misura del possibile. "Il tratto di strada, come detto, è molto delicato e necessita di un intervento radicale. In quella zona sono previste tre gallerie". 

Maggiori dettagli nel servizio di TeleTicino

Redazione | 8 nov 2018 18:45

Articoli suggeriti
Non c'è pace per la ss34, dove lo scorso anno era deceduto un motociclista ticinese. La strada è stata chiusa. FOTO
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'