Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 16

14'500 firme a favore del Cardiocentro

Le sottoscrizioni sono state consegnate questa mattina dal gruppo Grazie Cardiocentro: "Risultato che ci commuove"

14'500 firme a sostegno dell’iniziativa popolare lanciata all’inizio del mese di settembre dal Gruppo Grazie Cardiocentro. Le sottoscrizioni sono state consegnate questa mattina presso la cancelleria dello Stato a Bellinzona. Un numero cospicuo che non è ancora definitivo, fa sapere il Gruppo in una nota, che sta ancora aspettando alcune sottoscrizioni in fase di vidimazione nei comuni, ma che ha "commosso" i promotori dell'iniziativa. Iniziativa che, ricordiamo, vuole garantire "anche in futuro cure di alta qualità" presso l'ospedale del cuore. 

Per i promotori l'enorme sostegno dimostrato è ancora più significativo "alla luce dello stillicidio di attacchi che il Cardiocentro ha dovuto subire nel corso dell’ultimo anno". Una "campagna denigratoria" secondo il Gruppo Grazie Cardiocentro, che ha prodotto l'effetto contrario: "Più aumentava l'intensità degli attacchi, più si moltiplicavano le firme". 

Le  sottoscrizioni, fanno sapere, sono giunte da tutti gli angoli del Cantone, da Chiasso ad Airolo, da Bosco Gurin a Blenio: "Siamo convinti che le Istituzioni - Governo e Gran Consiglio - alle quali oggi abbiamo affidato le firme, avranno la sensibilità per cogliere il messaggio di una parte significativa della popolazione che chiede una soluzione democratica per il futuro del Cardiocentro e non calata dall’alto da un Consiglio d’Amministrazione. Ai nostri interlocutori istituzionali continueremo a rivolgerci con umiltà, responsabilità e spirito di collaborazione, affinché si possa costruire un modello innovativo nell’interesse dell’intero sistema sanitario ticinese".

Maggiori dettagli nel TG di TeleTicino delle 18.45

 

Redazione | 5 nov 2018 10:15

Articoli suggeriti
Le sottoscrizioni, la cui cifra esatta rimane per ora top secret, verranno consegnate lunedì prossimo
Paolo Beltraminelli, Christian Vitta e Carlo Lepori parlano delle trattative in corso con l'Ente ospedaliero
Positivo l'incontro tra il Municipio di Lugano e i vertici dell'Ospedale del cuore, che verserà i 5 milioni pattuiti
Il professor Giorgio Noseda replica allo scritto del coordinatore del Gruppo "Grazie Cardiocentro" Edo Bobbià. "Quella lettera di Moccetti..."
La proposta che vorrebbe tutelare l'indipendenza dell'istituto è stata definita "irrispettosa del voto popolare" e "arrogante"
Le parole di Edo Bobbià, coordinatore del gruppo di sostegno dell'istituto, nei confronti di chi invece vi si oppone
Il sindaco di Lugano Marco Borradori lancia un ultimatum ai vertici del Cardiocentro: "Il Mizar si farà"
Il Municipio di Lugano in pressing sul Cardiocentro per ottenere chiarezza e quanto pattuito
Membro dal 2000, "è stato tra i protagonisti del successo della clinica". Si dedicherà a una nuova sfida professionale
Il PS interroga il Municipio sul futuro degli spazi di proprietà di Lugano MedTech
Ivo Durisch pone una sfila di domande al Governo: "La Fondazione sta esercitando una pressione contraria al rispetto della volontà dei Ticinesi"
Ospite a "La domenica del Corriere" il fondatore del Cardiocentro Tiziano Moccetti ha difeso anche il ruolo dei propri figli: "Non mi rimprovero nulla"
Il Gruppo Grazie Cardiocentro replica alle bordate dei vertici dell'EOC: "Atto grave e denigrante"
Il presidente del CdA e il direttore generale ad alzo zero dopo il lancio dell'iniziativa popolare: "Difendono interessi privati"
Presentato il testo che vuole tutelare l'autonomia dell'ospedale del cuore. Domani parte la raccolta firme
Prende piede l'iniziativa popolare affinchè la Fondazione Cardiocentro non scompaia del tutto
Il Gruppo di sostegno ha elaborato una proposta "che consente di rispettare i patti di 20 anni fa". A settembre la raccolta firme
Paolo Sanvido, direttore dell'EOC, fa il punto della situazione sulle trattative con il Cardiocentro e non risparmia colpi
Il presidente del Governo Claudio Zali ha precisato il ruolo dell'Esecutivo nelle trattative con l'EOC
Respinta la proposta di una fase di transizione di 5 anni. "Chiesta totale autonomia"
Matteo Pronzini interpella il Consiglio di Stato con tre domande sulla fondazione specializzata in cardiologia
Il Consiglio di Fondazione fa chiarezza sui conti, anche in vista della futura integrazione dell'istituto all'EOC
Il sindacato auspica che si possa giungere in tempi brevi a un accordo per definirne il futuro
Timori per l'ospedale del cuore, che in 5 anni ha registrato perdite di 23 milioni
Presa di posizione della Piattaforma salute sul futuro Cardiocentro che sarà più forte, pubblico e autonomo
La direzione replica a un articolo del Caffè: "Il risultato operativo lordo 2012-2015 è stato di sostanziale pareggio"
Diverse personalità del mondo politico e della società civile hanno aderito al gruppo di sostegno per l'ospedale del cuore
In soli dodici mesi la situazione finanziaria sembra essersi capovolta. E intanto il passaggio all'EOC si avvicina
Il Ticino batte tutti sugli interventi al cuore: interventi oltre la media nazionale
L'EOC saluta con favore la lettera di sostegno del Municipio ed è pronto a incontrare la Fondazione del Cardiocentro
L'Esecutivo cittadino ribadisce la sua fiducia nel progetto Mizar, auspicando che si possa proseguire su questa via
Il gruppo di sostegno, costituitosi negli scorsi giorni, chiede che ne venga garantita l'indipendenza e l'autonomia
Pellanda: "Avrà un’autonomia operativa e gestionale importante come l’Istituto oncologico di Bellizona e il Neurocentro"
Nuova puntata nella trattativa fra Cardiocentro ed EOC sul futuro passaggio di proprietà dell’istituto nell’ente pubblico
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'