Accedi
Commenti 10

Meno persone in assistenza: "Ma non cantiamo vittoria"

Diminuiscono i beneficiari di assistenza in Ticino. Cristina Oberholzer Casartelli: "Ma non vuol dire che il problema non esista più"

A fine luglio i beneficiari di assitenza in Ticino risultavano essere 8'034, in calo dello 0,2% rispetto al mese precedente. Per dirlo in termini assoluti, sono state 18 le persone che non hanno più avuto la necessità di ricorrere al sostegno sociale. Un dato questo che conferma la tendenza al ribasso già osservata a partire dal mese di aprile, quando le cifre non solo hanno smesso di lievitare ma hanno iniziato a ridursi, secondo quanto emerge dalle statistiche della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie del Dipartimento della sanità e della socialità.

In calo anche su base annua, dove si registra una flessione del 2,6%, che si traduce in 211 persone in meno, un dato che secondo Cristina Oberholzer Casartelli, a capo dell’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento, «va considerato come un buon segnale, tuttavia non si può dire che il problema non esista più. Con il dato di luglio assistiamo a un’ulteriore leggera diminuzione, a conferma del rallentamento nella crescita già riscontrato nei mesi primaverili. Non vorrei però parlare di una diminuzione, perché sarebbe prematuro portare avanti una riflessione di questo tipo prima della fine dell’anno».

Un rallentamento, questo, da salutare positivamente ma che va preso con le pinze, come ha confermato Oberholzer Casartelli al Corriere del Ticino: «Certamente va considerata la ciclicità dei dati statistici, che in questo caso non possono dirsi risolutivi. In parte questa evoluzione è dovuta a fenomeni stagionali».

Maggiori dettagli nell'edizione odierna del Corriere del Ticino

Redazione | 17 ott 2018 05:57

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'