Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 5

Insulti su Facebook: il docente di Barbengo ci ricasca?

Nuovi post offensivi il cui autore sarebbe il docente finito nella bufera un anno fa. Robbiani: "Chiederò un controllo alle autorità"

Poco più di un anno fa un docente della scuola media di Barbengo era finito nella bufera per alcuni post offensivi, dove si paragonava la votazione sulla civica al nazismo e dava degli ignoranti a coloro che avevano approvato l'iniziativa. Nonostante le richieste dei deputati di Lega e Udc, il Consiglio di Stato si era limitato a un richiamo nei confronti dell'uomo.

Tuttavia, a distanza di una decina di mesi, sembra che il docente sia tornato alla carica su Facebook. Da un altro profilo Facebook avrebbe infatti insultato istituzioni e politici, non solo svizzeri ma anche internazionali. Profilo che era protetto da uno pseudonimo, ma dove alcune foto pubblicate ricondurrebbero a lui. La vicenda era già stata segnalata dal Mattino della Domenica qualche settimana fa, ma adesso il deputato leghista Massimiliano Robbiani rincara la dose.

"Effettivamente dal materiale in mio possesso tutto lascia pensare che si tratti dello stesso autore - spiega il granconsigliere - invierò i printscreen al DECS e alla scuola di Barbengo per maggiori accertamenti. Certo è che, se fosse confermato, si tratterebbe di un caso decisamente grave: dopo averla scampata una prima volta, il docente non impara la lezione e si lascia andare in insulti del genere. Forse si crede intoccabile, forte di un dipartimento che è ultragarantista, specie se difendi la giusta area politica..."

Redazione | 12 ott 2018 15:30

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'