Accedi
Commenti 2

LAC, "Basta rivaleggiare senza fare passi avanti"

L'ex capogruppo PS Martino Rossi sul 'caso Finzi Pasca': "Servirebbe un Consiglio consultivo fra gli attori coinvolti"

In riva al Ceresio le acque sono decisamente agitate dopo la ‘bomba’ sganciata nelle scorse settimane dal regista Daniele Finzi Pasca, che si era detto pronto a lasciare Lugano dopo le divergenze sorte con la direzione del LAC riguardo l’insediamento della sua compagnia teatrale.

La vicenda si era arricchita ieri con due nuovi capitoli, ovvero la presa di posizione del municipale leghista Lorenzo Quadri - che su Facebook aveva tuonato: "Non sono abituato a farmi ricattare e l'Esecutivo non deve portarsi a casa colpe non sue" – e, soprattutto, le bordate liberali all’indirizzo dell’Ente autonomo del LAC, presieduto dal municipale liberale Roberto Badaracco, e del sindaco Marco Borradori. In un acceso dibattito alla RSI andato in onda ieri sera il capo Dicastero Dicastero cultura, sport e eventi, dal canto suo, aveva difeso i vertici del LAC mentre il sindaco si era rammaricato delle varie uscite per mezzo stampa.

Insomma, un vero e proprio fuoco incrociato di accuse e contro accuse che lascia tutti perplessi. A fare un po' di chiarezza ci ha provato ieri sera l'ex capogruppo PS in Consiglio comunale a Lugano Martino Rossi. "Ma Marco Borradori e Roberto Badaracco, entrambe persone ragionevoli, non potevano accordarsi prima di esternare a mezzo stampa?", si è chiesto l'economista luganese, che poi puntualizza: "Se si tratta di assegnare spazi all'interno del LAC, la competenza è del LAC medesimo (Consiglio dell'Ente d'intesa con la direzione, ovviamente valutando con empatia le esigenze della Compagnia Finzi Pasca). Altrimenti di che autonomia si tratta? Se invece si tratta di assegnare alla Compagnia spazi esterni al LAC, la competenza è del Municipio. In questo caso, d'intesa con la Compagnia che li reclama".

Per l'ex capogruppo il punto è probabilmente un altro, ovvero "un disaccordo sul modo di coinvolgere nella gestione prospettiva del LAC due attori di primo piano che vi sono 'residenti' e che ne assicurano l'irradiazione e l'immagine (Compagnia Finzi Pasca e Orchestra della Svizzera Italiana)". In tal caso, sottolinea Rossi, "la responsabilità prima è del Consiglio dell'Ente autonomo. Esso deve mediare fra la direzione del LAC e gli enti 'residenti', in modo costruttivo e propositivo. Come? Difficile dirlo senza sapere se e come dialogano oggi i direttori del LAC e i loro 'inquilini'. Forse, tanto per fare un esempio, istituendo un Consiglio consultivo permanente fra direzione, Compagnia FP, OSI, ma anche MASI, che è una Fondazione indipendente dal Lac, o qualcosa di simile".

Infine, Rossi lancia un appello anche al sindaco Marco Borradori affinché "stimoli, sostenga e suggerisca prospettive", e al Capo dicastero Roberto Badaracco. "Che riporti queste idee, esprima le sue se non coincidono, le discuta nel Consiglio direttivo del LAC e consulti i direttori, la compagnia e gli altri coinvolti. Ma, per favore, evitate di rivaleggiare in pubblico, senza per altro fare un solo passo in avanti".

Redazione | 11 ott 2018 11:48

Articoli suggeriti
L'ex direttore di LuganoInScena Renato Reichlin sulla polemica Finzi Pasca: "I talenti devono fare squadra"
Il consigliere comunale bellinzonese accusa le autorità di provincialismo: "Che figure, come con Thyssen"
L'Ufficio presidenziale luganese critica l'atteggiamento dell'Ente nella polemica con Finzi Pasca e l'operato del sindaco: "Tante parole ma i fatti stanno a zero"
Il municipale luganese commenta i recenti sviluppi: "L'Esecutivo non deve portarsi a casa colpe non sue"
Dura presa di posizione del Consiglio direttivo dell'Ente autonomo: "Tiene in scacco il Municipio di Lugano"
Entro la settimana un incontro tra le parti per risolvere la diatriba sugli spazi al LAC
Roberto Badaracco: "Siamo riusciti a trovare degli uffici al Central Park. Intanto Govanni Bruschetti conferma la proposta di Massagno
Mirko D'Urso svela le cifre del possibile insediamento della compagnia a Massagno. Bruschetti smentisce seccamente
Il Comune ha confermato di aver messo a disposizione della compagnia del regista ticinese uno stabile in centro
L'ipotesi che l'ufficio della compagnia possa trovare spazio sulla scalinata della funicolare non fa la gioia di tutti
L'ufficio della compagnia potrebbe trovare spazio sulla scalinata della funicolare
Lo sfogo del direttore artistico Daniele Finzi Pasca in una lettera indirizzata al Corriere del Ticino
Il direttore del LAC dice la sua dopo le frecciatine lanciate qualche settimana fa dal regista
Un gruppo di artisti locali si esprime sulla diatriba Finzi Pasca e gli spazi al LAC: "Per noi è diventato una casa di cui avevamo bisogno"
Dopo la diatriba, le prove d'intesa. L’Ente autonomo del LAC e la Città si impegneranno per trovare uno spazio al regista
Tiziano Galeazzi polemico con la compagnia Finzi Pasca: "250mila chf l'anno dei contribuenti, come minimo vengano rispettati gli accordi"
Il titolare del Dicastero cultura, sport ed eventi commenta così le dichiarazioni del direttore artistico italiano nei confronti dei responabili del LAC e di LuganoInScena
Il Presidente del Consiglio Direttivo LAC Lugano Arte e Cultura Roberto Badaracco replica a Daniele Finzi Pasca
L'artista torna sulla diatriba tra la Compagnia e la Città: "I funzionari del LAC che avevo aiutato a scegliere ora mi dicono che per me non c’è spazio"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'