Accedi
Commenti 23

"A mio figlio solo calci nel c..., schiavo dell'assistenza"

Lo sfogo di una madre: "Mio figlio ha cercato in ogni modo lavoro, ma solo promesse"

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di una madre, che racconta le difficoltà di suo figlio nel trovare lavoro:

Dico solo che ho un figlio che dopo tanti tentativi ha solo trovato chi lo ha sfruttato per pochi franchi fino a quando avevano bisogno, poi un un calcio nel c....o fino quando a 23 anni ha deciso di rimettersi in gioco portando a termine un apprendistato e ottenedo con ottimi risultati un diploma. Ma dopo tante promesse anche li calci nel c... perché la manodopera italiana ovviamente ha la priorità....

Ad oggi mio figlio ha ormai 30 anni e non riesce a trovare lavoro "quindi in assistenza". Quest'ultima fa ruotare una parte di queste persone, compreso mio figlio, con i cosiddetti "programmi occupazionali" dove, se accetti sei occupato tutto il giorno, dove vieni sfruttato come se fossi loro schiavo, dove vieni trattato come un appestato/ta perché sei un "assistenziale" e ti danno la misera paga di 300.- .

E se rifiuti, quei soldi te li tolgono dal minimo vitale che per legge spetta ad ogni persona in assistenza e per giunta devi comunque presentare le ricerche altrimenti vieni penalizzato e ti tolgono soldi. Mi dite come ca...o si fa se dal lunedì a venerdì sei impegnato da mattina a sera? Scusate lo sfogo, ho voluto dire la mia sintetizzando il tutto e vorrei fare una domanda. Ma mi dite quale azienda o datore di lavoro vuole assumere se l'assistenza gli fornisce queste sfortunate persone alla quale gli fanno fare un C...o come una capanna per pochi franchi e trattati di M....a? Dico solo che è una vergogna. Scusate ancora lo sfogo.

Redazione | 19 set 2018 21:07

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'