Accedi
Commenti 1

Truffatore in manette a Losone

Un 62enne italiano, colpito da un divieto di entrata, è sospettato di aver ripreso i raggiri per cui era stato già condannato nel 2014

Un 62enne cittadino italiano, oggetto di un divieto di entrata in Svizzera fino al febbraio 2022, è stato arrestato a Losone lo scorso 10 settembre. 

L'uomo - riferiscono il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia comunale di Losone in una nota - è sospettato di aver ripreso a commettere delle truffe con modalità analoghe a quelle per cui, nel maggio 2014, era già stato condannato a 16 mesi di detenzione da una Corte delle assise Correzionali. 

Avvalendosi di una serie di sotterfugi (problemi di salute o difficoltà di varia natura prive di fondamento) e presentandosi anche sotto falso nome, avrebbe in particolare ottenuto in più occasioni dei prestiti in denaro da varie persone, compresi degli anziani.

L'arresto è scattato a seguito di un mandato di cattura. La misura restrittiva della libertà è già stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi.

Le ipotesi di reato nei suoi confronti sono quelle di truffa per mestiere, entrata e soggiorno illegale nonché furto. L'inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Andrea Maria Balerna ed è condotta dalla Polizia cantonale per il tramite del Commissariato di Locarno.

Gli accertamenti proseguono al fine di chiarire se vi siano state eventuali altre vittime. Per ora non saranno fornite ulteriori informazioni.

Redazione | 14 set 2018 14:56

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'