Accedi
Commenti 3

Truffa del vino, nuovo arresto

Si tratta di un residente tra i 20 e i 30 anni. Il suo arresto è già stato confermato. Mezzo milione l’ammontare del raggiro

Decine di migliaia di bottiglie finite sugli scaffali del Cantone per un ammontare di circa mezzo milione di franchi. A tanto potrebbe ammontare la truffa del vino secondo gli ultimi accertamenti della Magistratura. Verifiche che a inizio settimana hanno portato ad un nuovo arresto.

L’uomo – sulla 30ina residente in Ticino - è stato fermato lunedì scorso. A darne notizia ieri Teleticino. Secondo il Magistrato inquirente l’imputato nella vicenda avrebbe un ruolo più marginale. Di intermediazione. Avrebbe ricevuto e poi girato a terze persone proposte di vendita di vini.

Gli inquirenti ora dovranno stabilire se l’imputato fosse o meno al corrente che il vino venduto in realtà era contraffatto. Lui si professa innocente. Le verifiche sono in corso. Intanto ieri il giudice dei provvedimenti coercitivi ne ha confermato l’arresto.

Sale così a 5 il numero degli indagati. 4 si trovano in carcerazione preventiva alla Farera. Il quinto è stato scarcerato a metà agosto, ma risulta tutt’ora sotto inchiesta.

Nei confronti di quest’ultimo, che si professa innocente, la procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti ipotizza il reato di truffa e contraffazione di merci. Con il socio in affari – per il quale è stata chiesta invece una proroga del carcere preventivo – avrebbe importato dal sud Italia e venduto sul mercato ticinese vino comune spacciandolo per vino pregiato. Di qui anche il filone italiano dell’inchiesta. Secondo le ultime verifiche il vino risulterebbe imbottigliato ed etichettato tra la Campagna e la Puglia. Poi importato in Ticino.

A dare il là all’inchiesta con una denuncia al Ministero pubblico un rivenditore che si vide riportare da un cliente insoddisfatto una bottiglia. In realtà nell’ambiente del vino da tempo si mormorava di una partita di dubbia provenienza. Seguirono così le prime verifiche e i primi arresti di metà giugno. Ma l’inchiesta è tutt’altro che conclusa.

fp

Redazione | 14 set 2018 09:15

Articoli suggeriti
Dopo gli arresti di metà giugno, si allarga l’inchiesta della magistratura. Aperto anche un filone in Italia
Un 63enne e un 59enne svizzeri avrebbero messo in commercio del vino comune, spacciandolo di alta qualità
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'