Accedi
Commenti 10

Miliardo di coesione, svelato il motivo del parere favorevole

Il Governo risponde ai deputati de La Destra: "Il primo contributo ha avuto effetti positivi per la Svizzera"

Miliardo di coesione: il Consiglio di Stato ha formulato un parere positivo alla consultazione sul secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE poiché ritiene che "il primo contributo (deciso nel 2007) ha avuto – direttamente o indirettamente – delle ricadute positive per la Svizzera, e così si prospetta per il (secondo) contributo". È quanto risponde il Governo a un'interrogazione inoltrata dai deputati de La Destra (Tiziano Galeazzi, primo firmatario, Cleto Ferrari, Lara Filippini, Sergio Morisoli, Paolo Pamini e Gabriele Pinoja) che chiedevano maggiori lumi sull'adesione positiva del Canton Ticino nell'ambito della consultazione che la Confederazione aveva indetto lo scorso 23 marzo 2018.  

Vista la situazione di instabilità in Europa, aggravata anche dalle misure protezionistiche e dai dazi statunitensi, il Governo ritiene importante "promuovere e consolidare un quadro istituzionale stabile all’interno dell’Unione europea, che favorisca i mercati e agevoli i rapporti e gli scambi commerciali". Il secondo contributo svizzero, aggiunge il Governo, "persegue finalità condivisibili negli aspetti strategici, che peraltro si sentono affermare nei confronti dei flussi migratori di carattere economico intercontinentale". 

Il Consiglio di Stato tiene a sottolineare che non si tratta di andare contro l'opinione espressa dal popolo ticinese in occasione del voto referendario del 2006, durante il quale il primo miliardo di coesione è stato rifiutato con il 62,9% dei suffragi. Rammentando che i Cantoni vengono solo "consultati" e che quindi la politica estera resta di competenza della Confederazione e delle autorità federali, il Governo sottolinea che nel frattempo, passati 12 anni, le condizioni quadro "sono cambiate e tengono conto del quadro attuale delle relazioni tra la Svizzera, l’UE e i suoi Paesi membri".

 

 

Redazione | 14 set 2018 07:15

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'