Accedi
Commenti 38

"Servizio Tg fazioso e denigratorio"

L'UDC ticinese si scaglia contro il corrispondente RSI a Berna: "Non accettiamo derive del servizio pubblico"

L'UDC ticinese chiede una presa di posizione da parte della dirigenza di RSI a seguito di un servizio andato in onda ieri sera al telegiornale sul tema del progetto fiscale e risanamento dell’AVS, votato dal Consiglio nazionale. Secondo il partito il commento del corrispondete di Berna sull'analisi del voto è stato "sprezzante e tendenzioso", in particolar modo nei confronti dell'UDC. 

"Non è stata spesa alcuna parola sui motivi che hanno portato l’UDC a chiedere il rinvio in commissione del messaggio in esame, nulla neppure sul voto terminato 101 a 93 per separare il pacchetto e il silenzio totale sulle dichiarazioni in aula di Magdalena Martullo-Blocher in merito ai motivi che hanno fatto si che votasse in maniera convinta contro il progetto (vedi la chiarissima risposta a Luscher). Abbiamo solo assistito, al contrario, ad un attacco denigratorio contro la vicepresidente dell’UDC Svizzera" si legge nella nota firmata dal presidente democentrista Piero Marchesi e dal consigliere nazionale Marco Chiesa

Secondo i democentristi il corrispondente si è inoltre distinto "per aver ben pensato di sottacere che questo progetto approvato non fosse quello del Consigliere federale Maurer ma del Consiglio degli Stati, già autore del fallimentare progetto sulla riforma della previdenza 2020, cercando inoltre di pretestuosamente alimentare una divisione tra il Consigliere federale e il suo partito. Il nulla infine sul maltrattamento della democrazia diretta e sull’impossibilita dei cittadini a potersi esprimersi separatamente sui due oggetti. Motivo alla base del rifiuto UDC, ma forse non molto importante per il commentatore a cui probabilmente non sta a cuore la nostra democrazia diretta".

Da qui la lettera inviata alla dirigenza RSI poiché l'UDC non è disposta "ad accettare queste derive del servizio pubblico". Proprio a causa di questo servizio il consigliere nazionale Marco Chiesa ha rinunciato a partecipare alla trasmissione Modem di questa mattina, a cui era invitato: "Vado dove c'è imparzialità, cosa che non è avvenuta nel suddetto servizio" ha dichiarato ai microfoni di Ticinonews. 

 

 

 

Redazione | 13 set 2018 09:33

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'