Accedi
Commenti 17

I frontalieri occupano oltre la metà degli impieghi

Nei grandi centri del Mendrisiotto sono 22'975 gli addetti con permesso G su un totale di 42'164 posti di lavoro

 I segnali che giungono dal mondo del lavoro su scala regionale sono ambivalenti. E così, se da un lato aumentano gli impieghi disponibili nel distretto del Mendrisiotto, dall'altro torna a crescere anche la quota di frontalieri, riproponendo una tendenza che si era interrotta solo nel 2015. Prendendo in considerazione i principali Comuni momò – che oltre ad ospitare il maggior numero di imprese e servizi, offrono singolarmente, tra settore primario, secondario e terziario, più di mille posti di lavoro – si nota che oltre la metà degli impieghi disponibili continua ad essere occupata da personale proveniente da oltreconfine.

Nella fattispecie, come riportato dal Corriere del Ticino, sono 22'975 gli addetti con permesso G su un totale di 42'164 posti di lavoro nei grandi centri del distretto, per una quota del 54,5%. A indicarlo è il rilevamento dell'Ufficio federale di statistica (UST) pubblicato pochi giorni fa, che, seppure in forma provvisoria, riporta i dati di più recente elaborazione, ossia quelli relativi ai posti di lavoro fino al termine del 2016.

Maggiori dettagli nell'edizione odierna del Corriere del Ticino

Redazione | 12 set 2018 05:50

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'