Accedi
Commenti

Monte Brè, scatta l'interpellanza sul maxi resort

Tre consiglieri comunali PS chiedono lumi al Municipio di Locarno sul progetto "megalomane e altamente invasivo"

Tre consiglieri comunali PS - Pier Mellini, primo firmatario, Sabina Snozzi Groisman e Sabrina Ballabio Morinini - hanno presentato un'interpellanza al Municipio di Locarno sul progetto edilizio di un maxi resort previsto sulle pendici della montagna tra Monte Brè e Cardada. 

"È di questi giorni la notizia trapelata dagli organi di stampa che un gruppo di investitori vorrebbe progettare la costruzione di un maxi resort sulle pendici della montagna tra Monte Brè e Cardada" esordiscono i tre consiglieri comunali. "La struttura dovrebbe avere una dimensione fuori dal comune: quasi 30'000 metri quadrati.

"A quanto sembra questo progetto è iniziato già due anni or sono, ma il tutto è stato mantenuto ben celato, come pure il coinvolgimento di enti e di rappresentanti politici che hanno accettato di prestare il proprio nome per pubblicizzare un’operazione che ha tutta l’aria di rappresentare l’ennesima speculazione immobiliare che non potrà che deturpare la nostra montagna".

"Nel frattempo sappiamo che sono già stati venduti terreni e proprietà come pure che è nata l’Associazione Salva Monte Brè che ha lanciato una petizione a salvaguardia dell’ambiente e contro eventuali speculazioni edilizie".

"Alla luce di quanto sin qui emerso e preoccupati che la situazione possa degenerare in un progetto megalomane e altamente invasivo, irrispettoso delle peculiarità legate al nostro territorio e in modo particolare alla zona citata, i sottoscritti consiglieri comunali avvalendosi della possibilità concessa dall’art. 37 Legge organica comunale e dell’art. 37 del Regolamento Comunale della Città di Locarno inoltrano la seguente interpellanza". 

Da qui le domande poste al Municipio: 

1. Corrisponde al vero che questo progetto è avvallato da enti pubblici del Cantone?
2. Se sì, da quali?
3. Corrisponde al vero che alcuni personaggi politici hanno dato la loro adesione per pubblicizzare quest’operazione?
4. Da quando il Municipio o parte di esso era al corrente di quest’iniziativa?
5. Vi sono stati contatti con l’AUGUR Invest AG di Pfäffikon, agenzia che dovrebbe essere promotrice del progetto?
6. Gli acquirenti di terreno e proprietà fanno capo a quest’agenzia?
6. È vero che gli abitanti del quartiere di Monte Brè chiedono da oltre due anni informazioni senza ottenere risposte esaustive?
7. Il Municipio è al corrente che nella brochure consegnata agli abitanti di Brè nel corso dell’Assemblea afferma che:” the search for the hotel management company responsable for running the Resort is well under way, and expected to conclude end of Q2 2018”?
8. Corrisponde al vero che è già stata formata una giuria che dovrà occuparsi dello sviluppo del resort e della quale fa parte, così come riportato sulla brochure, anche il Sindaco di Locarno?
9. Non crede il Municipio che sia importante prendere subito posizione in merito a questo ventilato progetto al fine di evitare le problematiche scaturite dal progetto del Delta Resort?

 

 

 

 

Redazione | 7 set 2018 13:41

Articoli suggeriti
L'Associazione Salva Monte Brè: "Vogliono comprare e distruggere le case di Brè per saccheggiare un paradiso naturale"
Il direttore di TicinoTurismo Elia Frapolli smentisce un sostegno incondizionato: “Non conoscendo i dettagli è impossibile esprimere un parere”
C'è chi si oppone al progetto tra Cardada e Monte Bré sopra Locarno: "Mancanza di trasparenza e dissimulazione. Ma noi lotteremo"
Una giuria, di cui farebbe parte il sindaco Scherrer, dovrà decidere chi si occuperà del design della struttura. Ma...
La struttura dovrebbe estendersi per quasi 30mila mq. Ma aumenta il malcontento tra gli abitanti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'