Accedi
Commenti

Addio alla scuola italiana delle polemiche

La società che gestiva la Studi cognitivi e formazione CH è stata sciolta lo scorso maggio ed è in liquidazione

La Studi cognitivi e formazione CH Sagl, società che gestiva l’omonima scuola chiusa a febbraio e oggetto di un’inchiesta di Ticinonews, è stata sciolta. Fondata nel 2012, la scuola era finita al centro delle polemiche dopo che alcuno studenti avevano espresso dei dubbi sulle competenze del direttore e sulla qualità dell'offerta formativa e qualitativa. Per questa ragione, la maggior parte di loro aveva deciso di ritirarsi, causando alla scuola un grave danno economico, essendo il totale dei rimborsi dovuti superiore ai 50mila franchi.

La società è stata sciolta con decisione dell'assemblea dei soci il 24 maggio scorso e la decisione di messa in liquidazione è stata pubblica sul registro di commercio e sul Foglio ufficiale il 1. giugno successivo.

Redazione | 9 ago 2018 13:09

Articoli suggeriti
Il Consiglio di Stato ha risposto all'interrogazione di Robbiani sull'istituto "Studi cognitivi e formazione"
Titoli a studenti che hanno seguito lezioni impartite da altri studenti. Da una scuola cui è stato tolto il riconoscimento
La direzione della Scuola di Studi Cognitivi e Formazione replica alle accuse del Mattinonline: "Sono falsità"
Massimiliano Robbiani interroga il Governo: "Come crede di arginare questo fenomeno sempre più in crescita?"
Riemerge il problema legato agli istituti non accreditati dalla Confederazione. Qual è la situazione in Ticino?
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'