Accedi
Commenti 24

"Cara Cassa Malati, paga le cure o sarà guerra"

Lettera aperta di Fonio e Bang al direttore della cassa malati che ha negato le cure al bimbo: "Assumetevi le vostre responsabilità"

I deputati Giorgio Fonio (PPD) ed Henrik Bang (PS) hanno scritto una lettera aperta alla direzione della Cassa Malati che ha negato le cure al bambino malato di cancro (vedi articoli correlati). Di seguito il testo della lettera:

Caro Manager,

In queste ore la nostra associazione ha deciso di lanciare una colletta a favore del bimbo malato di cancro al quale la sua cassa malati aveva negato il pagamento della cura.

In poche ore i ticinesi hanno risposto presente, versando una cifra che dovrebbe superare i 20 mila franchi e che sarà devoluta ad associazioni che sostengono i bambini malati di cancro e le loro famiglie.

Bene, verrebbe da dire. In quanto la comunità ticinese ha dimostrato come nel nostro Paese siano ancora presenti quei valori che noi tutti abbiamo a cuore.

Ma questo gesto non deve in alcun modo sostituirsi alla vostra responsabilità morale nei confronti del piccolo!

Siamo sicuri che questa vicenda sia seguita attentamente anche da voi, che sedete nelle vostre comode e ben retribuite poltrone. Ci appelliamo pertanto a voi affinché nelle prossime 24 ore contattiate il medico, il professor Brazzola, per comunicare che la decisione che avete preso è stata rivista a causa di un errore. Sbagliare in fondo può capitare a tutti.

In caso contrario saremo pronti a tutto per difendere il sacrosanto diritto alle cure e non ci saranno legali di sorta che ci potranno fermare nell’esprimere tutto quello che pensiamo su questa vicenda.

Non ci risponda, sarò felice di leggere le parole contente della madre del piccolo o del professor Brazzola.

Saluti.

Giorgio Fonio e Henrik Bang

Redazione | 17 lug 2018 14:50

Articoli suggeriti
La solidarietà dei ticinesi ha permesso di raccogliere più di quanto necessario. Fonio: "Siamo senza parole"
Il Forum Alternativo commenta la "vergognosa vicenda del 12enne cui è stato rifiutato il rimborso delle cure"
L'Associazione 'Quii da la cursa' vuole pagare le spese mediche al 12enne affetto da sarcoma
Un ragazzino di 12anni con sarcoma deve iniziare la cura per ridurre la recidiva. Ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'