Accedi
Commenti 46

Ha un tumore e la cassa malati non paga: pronta la colletta

L'Associazione 'Quii da la cursa' vuole pagare le spese mediche al 12enne affetto da sarcoma

Ha fatto molto scalpore la notizia pubblicata da La Regione della cassa malati che non intende pagare la cura per evitare recidive al ragazzino di 12 anni già sottoposto a terapia intensiva per sconfiggere un sarcoma (vedi articolo suggerito). 

Ebbene, l'appello della famiglia e del suo medico, il dr. Brazzola, non è rimasto inascoltato: l'Associazione 'Quii da la cursa', attiva da diversi anni nella raccolta fondi per progetti di beneficenza tramite attività sportive, intende infatti pagare le spese necessarie a proseguire la terapia per ridurre il rischio di recidiva. "Sono scioccato, inorridito e arrabbiato - ha dichiarato Henrik Bang (membro del comitato) a Ticinonews - Sono un padre e quando ho letto questa notizia sono rimasto di sasso. È assurdo che in questa società ancora ci sono bambini che rischiano di non avere accesso alle cure mediche". Per questo il Comitato ha deciso di aiutare la famiglia con una colletta e chiunque volesse contribuire può effettuare un versamento sul conto CH74 8036 5000 0062 3998 0 (Associazione Quii da la cura, Corso San Gottardo 88, 6830 Chiasso, causale: cure bimbo).

Bang non intende tuttavia fermarsi qui: prossimamente - ha spiegato - presenterà un atto parlamentare insieme ad altri colleghi deputati per evitare che situazioni simili abbiano a ripetersi.

Redazione | 16 lug 2018 11:54

Articoli suggeriti
Un ragazzino di 12anni con sarcoma deve iniziare la cura per ridurre la recidiva. Ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'