Accedi
Commenti 5

"Smantellare il Cardiocentro? Sarebbe un suicidio"

Giorgio Giudici: "Snaturare una struttura del genere non sarebbe nell'interesse del Ticino. Lotteremo per difenderlo"

Si avvicina il 2020, quando la Convenzione stipulata negli anni ‘90 tra Cantone e Cardiocentro - che garantisce la gestione privata dell’istituto e il diritto di superficie - scadrà. Con l’accordo prevede che da quesl momento il Cardiocentro passerà completamente nelle mani dell’Ente Ospedaliero Cantonale. Ormai da tempo la Fondazione Cardiocentro sta cercando un accordo per garantire il futuro della struttura, cercando di smentire ogni voce al riguardo di un possibile smantellamento, come spiega Giorgio Giudici, presidente della Fondazione.

"Smantellamento del Cardiocentro? Sarebbe un suicidio al quale non abbiamo alcuna intenzione di assistere - spiega Giudici - Ed è per questo che ci batteremo per non perdere un brand dell'eccellenza ticinese nel mondo. Qualsiasi snaturamento della struttura non sarebbe nell'interesse del Canton Ticino: in questi anni abbiamo costruito qualcosa di eccezionale, che a livello internazionale guardano con interesse e prendono ad esempio. Non abbiamo intenzione di perdere un valore aggiunto del genere per la città"

Quindi si troverà una soluzione?
Ne sono più che convinto. Stiamo lavorando a questo. Come Presidente mi batterò affinche rimanga la realtà di un contesto pubblico ma con una logica e un concetto di crescita costante e continua. Inoltre con l'avvento del Master in medicina avrà un ruolo di supporto importante. In Ticino abbiamo tante eccellenze che al posto che lavorare da sole dovrebbero riuscire a convergere i propri percorsi di sviluppo.

Com'è percepito il Cardiocentro a livello internazionale?
Basta guardare quanto questa struttura è coinvolta negli articoli e nelle prese di posizioni della stampa specializzata. O quante operazioni vengono trasmesse in diretta e sono osservate da altre realtà analoghe. O alle persone di grande levatura che si affidano al Cardiocentro. E' una struttura piccola, ma che è riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo. La sua importanza è inversamente proporzionale alle sue dimensioni. Come un nano che fa l'ombra di un gigante... 

MS

Redazione | 5 ott 2017 16:06

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'