Accedi

Prosciolto!

La Corte delle Assise criminali di Lugano ha assolto da tutte le accuse l'ex granata Hemza Mihoubi che verrà anche risarcito

Hemza Mihoubi è stato assolto. La Corte delle Assise criminali di Lugano, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, ha accolto la richiesta di assoluzione formulata da Yasar Ravi, legale del 30enne, e ha prosciolto l'ex calciatore di Bellinzona dalle accuse di correità in sequestro di persona ed estorsione, subordinatamente di complicità. L'ex calciatore riceverà inoltre un indennizzo per torto morale di 55mila franchi. 

È stato invece condannato il secondo imputato, il 50enne di Capo Verde che tentò di sequestrare un imprenditore svizzero residente a Castagnola. La Corte gli ha inflitto una pena di 24 mesi, parzialmente sospesi.

L'accusa, rappresentata dal procuratore pubblico Antonio Perugini aveva chiesto tre anni di detenzione per l'ex granata e 3 anni e 10 mesi per il 50enne. 

Secondo la Corte, non è stato sufficientemente provato un legame con gli autori del reato. Quindi, in ragione del principio in dubio pro reo, Mihoubi è stato prosciolto.

Redazione | 28 giu 2016 17:03

Articoli suggeriti
"Una delle vicende più anomale mai giunte in tribunale" dice Perugini, ma l’estorsione è un reato in netto aumento
In corso a Lugano il processo nei confronti dell'ex giocatore granata accusato di estorsione
L'ex calciatore granata comparirà alla sbarra per il tentativo di sequestro di un imprenditore di Castagnola
Stupore nel mondo del calcio per l'arresto di Mihoubi, che questa estate era dato vicino al Chiasso e al Locarno
L'ex granata Hemza Mihoubi è stato incastrato da un numero di targa, quella di un suo ex compagno di squadra
Una donna è finita in manette per correità, complicità, tentata estorsione e sequestro di persona. Suo complice un calciatore disoccupato