Accedi
Commenti

Consegnati 23 diplomi all'USI

Si è concluso oggi il Master of Advanced Studies in Intercultural Communication. Ecco i nomi dei diplomati

Si è conclusa oggi, sabato 28 febbraio 2015, la sesta edizione del Master of Advanced Studies in Intercultural Communication dell’USI, il percorso di formazione continua che consente di arricchire il proprio profilo professionale nel settore pubblico o privato con competenze interculturali di alto livello. Sono stati consegnati 23 diplomi ad altrettanti professionisti di 11 diverse nazionalità.

Il programma della giornata prevedeva, a partire dalle 11:45 nell’auditorio del campus di Lugano, la presentazione dei progetti personali dei neodiplomati, nei quali il tema centrale della comunicazione interculturale è sviluppato in diversi settori come quelli del business, del marketing, dell’aiuto umanitario e delle organizzazioni internazionali, delle politiche d’integrazione e migrazione, dell’arte, etc. Anche quest’anno alcuni partecipanti hanno approfondito questioni di attualità, in particolare la strategia e la propaganda di Boko-Haram e il massacro della popolazione yazidita per mano dei jihadisti dell’ISIS. È stato affrontato inoltre il tema delle migrazioni africane, con un cortometraggio sull’emigrazione dal continente realizzato nell’ambito del Master e con uno studio dell’immigrazione dei commercianti cinesi in Congo.

Nato nel 2004 da una stretta collaborazione con la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (Dipartimento degli affari esteri), il Master of Advanced Studies in Intercultural Communication dell’USI (MIC) è l’unico programma nel suo genere in Europa: grazie a un corpo accademico formato da oltre 50 docenti provenienti da università e organizzazioni internazionali di elevato profilo, il MIC offre ai partecipanti - professionisti che gestiscono situazioni di multiculturalità tanto a livello strategico quanto operativo - l’opportunità di sviluppare solide basi metodologiche e di applicarle con efficacia a progetti ed esperienze professionali, ma anche civiche e personali.

Grazie al contributo della Fondazione Assistance International (FAI), il Master of Advanced Studies in Intercultural Communication (MIC) ha potuto offrire sei borse di studio a partecipanti provenienti da paesi con situazioni di sottosviluppo e disuguaglianze sociali.

Si segnala, infine, che questa settimana, il 23 febbraio, è iniziata la settima edizione del MIC, con 21 studenti provenienti da 16 diversi paesi.

Segue l'elenco dei diplomati con relativa nazionalità:

1. Elodie Bamowongo, Repubblica Democratica del Congo

2. Lisa Bosia, Svizzera-Italia

3. Diana Corica, Svizzera-Italia

4. Elke Dudler Zortea, Svizzera

5. Sabrina Guilloud Engelhardt, Svizzera

6. Eric Martial Essono Tsimi, Camerun

7. Flavien Felder, Svizzera

8. Laure-Christine Grandjean, Svizzera

9. Linda Hürlimann-Smith, Svizzera-Gran Bretagna

10. Anna Keller, Svizzera

11. Brigitte Kürsteiner, Svizzera

12. Sandra Loretz, Svizzera-Italia

13. Omar Moumni, Marocco

14. Aliou Ndiaye, Senegal

15. Christina Neylan, Svizzera-Irlanda

16. Beatrice Nyirahategekimana, Ruanda

17. Esther Claudia Orell, Svizzera

18. Giulia Pastori, Italia

19. Sharon Racine, Svizzera-Canada

20. Sandrine Roche, Francia

21. Jini Sebakunzi, Svizzera-Ruanda

22. Joseph Désiré Som I, Camerun

23. Paola Tavelli, Italia

 

Redazione | 28 feb 2015 17:00

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'