Immatricolazioni ancora in calo
La tendenza al ribasso si è ulteriormente accentuata nel 2018. Cresce invece il parco veicoli
Redazione
Immatricolazioni ancora in calo
Immatricolazioni ancora in calo

Lo scorso anno sono state immatricolate in Svizzera poco meno di 400'000 vetture, con un calo del 4,2% (-17'414 unità) rispetto al 2017. Il parco veicoli nel suo complesso ha invece continuato a crescere (+1,0%), raggiungendo 6,1 milioni di unità.

Secondo i dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), le nuove immatricolazioni sono scese a 395'413. La tendenza al ribasso osservata a partire dal 2016 si è ulteriormente accentuata, in particolare da settembre, in quanto diversi produttori hanno accumulato ritardi nel rendere conformi alcuni modelli dopo l'introduzione della nuova norma WLTP riguardante la misurazione dei consumi e delle emissioni.

Il gruppo principale dei veicoli a motore, le autovetture, è diminuito del 4,5%, rimanendo appena sopra la soglia delle 300'000 unità. Il calo è stato particolarmente marcato per i veicoli diesel (-20,6%), mentre è rimasta forte la richiesta di auto a benzina (+2,8%).

Le immatricolazioni di moto nuove sono diminuite del 7,2% a meno di 45'000, il livello più basso dal 2010. La flessione maggiore è stata registrata dai veicoli agricoli (-11,4%), che sono scesi al di sotto delle 3000 unità.

Nonostante la diminuzione del numero di nuove immatricolazioni, il parco veicoli nel suo complesso è ulteriormente cresciuto. Questo significa che il numero dei veicoli messi in circolazione continua a essere superiore a quello delle vetture ritirate dalle strade, afferma l'UST.

Al 30 settembre 2018 si contavano in Svizzera 6,1 milioni di veicoli - esclusi rimorchi e ciclomotori - di cui tre quarti (4,6 milioni, +0,7%) erano autovetture.

Il tasso di motorizzazione si è attestato a 543 automobili per 1000 abitanti, un valore stabile dal 2016, mentre era ancora di 439 nel 1990. A titolo di confronto, i valori sono di 479 per la Francia, di 555 per la Germania e di 625 per l'Italia (secondo dati Eurostat del 2016).

I cantoni urbani come Basilea Città (341), Ginevra (445) e Zurigo (492) evidenziano i tassi più bassi. All'altra estremità della tabella, Zugo (678), Svitto (645), Vallese (645) e Ticino (635) registrano il maggior numero di automobili pro capite.