Accedi
Commenti 10

Spende un milione con la carta aziendale, assolta

L'ex capo-segretaria UBS è stata ritenuta innocente in quanto i suoi acquisti sono stati riportati per anni sugli estratti conto

Una ex capo segretaria di UBS che ha utilizzato la carta di credito aziendale per scopi personali, spendendo oltre un milione di franchi in sette anni, è stata assolta oggi dal Tribunale d'appello di Zurigo, che ha dunque confermato la decisione in prima istanza del tribunale distrettuale zurighese.

I giudici hanno ritenuto che la donna, una 56enne, non ha ingannato i suoi superiori, poiché gli acquisti erano sempre chiaramente visibili sugli estratti conto ed è dunque mancata una funzione di sorveglianza presso la banca. Sulle folli spese era insomma stato chiuso un occhio, oppure le fatture non erano state controllate a dovere. Tuttavia, la segretaria dovrà pagare una parte delle spese processuali, poiché il suo comportamento ha dato il via al procedimento penale.

L'atto d'accusa nei confronti della donna indicava oltre 800 casi, tra il 2003 e il 2010, in cui la donna aveva utilizzato la carta di credito per scopi privati, ad esempio borse di oltre 1'400 franchi, gioielli per 8'000 franchi, nonché vacanze in Thailandia e fatture del dentista e della clinica di bellezza. In totale, in sette anni ha speso oltre un milione di franchi.

La donna è finita alla sbarra perché i suoi superiori, tra cui vi era anche l'ex banchiere - ed ex responsabile di UBS per la gestione patrimoniale negli USA- Raoul Weil, erano stati esonerati dalle loro funzioni nel corso della controversia fiscale statunitense. Il suo nuovo supervisore ha controllato in maniera più dettagliata e ha poi denunciato l'assistente di lunga data.

La sanzione proposta dalla procura zurighese era una pena detentiva sospesa di 24 mesi per appropriazione indebita. Il Ministero pubblico sta ora valutando se ricorrere al Tribunale federale. Il numero uno bancario elvetico chiedeva invece un risarcimento di 1,4 milioni di franchi: il milione sottratto per spese private, più 400'000 franchi di interessi dal 2010. Il tribunale, su quest'ultimo punto, ha stabilito che UBS dovrà avviare un procedimento civile.

Keystone-ATS | 27 feb 2020 21:12

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'