Accedi
Commenti 12

Il coronavirus non ha ancora colpito in Svizzera

Berna rassicura sull'epidemia. Finora 250 casi sospetti, ma tutti risultati negativi. Il punto della situazione

È basso il rischio di una diffusione incontrollata del nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) in Europa e in Svizzera. Lo hanno indicato oggi in conferenza stampa a Berna i responsabili dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), precisando che le autorità continuano a seguire l'evolversi della situazione attentamente.

Finora 250 casi sospetti, tutti risultati negativi

Finora sono stati contabilizzati circa 250 casi sospetti, ha precisato Virginie Masserey, a capo della sezione controllo delle infezioni presso l'UFSP. "Tutti si sono rivelati negativi", ha rassicurato, sottolineando come nel nostro paese la situazione non sia molto cambiata rispetto alla settimana scorsa.

Masserey ha ricordato che in caso di contagio acclarato, è importante isolare tempestivamente il malato e avvertire coloro che hanno avuto contatti con lui ed eventualmente le autorità estere. È quanto avvenuto con i recenti casi verificatisi in Alta Savoia.

Il cittadino britannico è transitato da Ginevra

Il Regno Unito, Paese di provenienza della persona all'origine del contagio, ha segnalato il passaggio dell'uomo dall'aeroporto di Ginevra. In merito a questa vicenda, Masserey ha indicato che un bambino è in quarantena nel canton Neuchâtel perché è entrato in contatto, durante un corso di sci, con un coetaneo ammalatosi in Alta Savoia.

Gli svizzeri in quarantena a bordo della nave stanno bene

A fare il punto della situazione in cui versano gli altri svizzeri posti in quarantena è stato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), per bocca di Serge Bavaud. Egli ha precisato che stanno bene i due elvetici - una coppia - a bordo della nave da crociera ormeggiata nella baia di Yokohama in cui si sono verificati casi di contagio.

Ai rimpatriati dalla regione di Wuhan (5 svizzeri e 3 congiunti) che si trovano ancora nel sud della Francia, e non hanno sviluppato la malattia, è stato offerto il trasporto in Svizzera, ha aggiunto, precisando che sei di loro hanno accettato e faranno ritorno in patria presumibilmente domenica.

3500 cittadini elvetici si sono annunciati presso i consolati in Cina

Il DFAE continua per altro a seguire attentamente la situazione, mantenendo stretti contatti con l'ambasciata e i consolati in Cina, dove si sono finora annunciati 3500 cittadini elvetici, ha spiegato Bavaud. In caso di domande essi possono rivolgersi alle rappresentanze svizzere.

La situazione in Europa

Patrick Mathys, capo della sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'UFSP, ha da parte sua tracciato una piccola panoramica della diffusione della malattia in Europa, dove è stata finora riscontrata in Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Russia, Spagna, Belgio, Finlandia e Svezia. Interpellato sulla possibilità di una penuria di medicinali, Mathys ha risposto che per ora non è il caso.

Durante la conferenza stampa, il medico cantonale di Zurigo, Brian Martin, ha colto l'occasione per riassumere a grandi linee il dispositivo predisposto nel cantone e ha indicato che negli ospedali esso dispone al momento - per un'eventuale emergenza di questo tipo - di 61 posti per adulti e 13 per bambini che in caso di necessità possono essere aumentati.

Keystone-ats | 14 feb 2020 16:26

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'