Accedi
Commenti 2

L'acqua frizzante alcolica fa paura in Svizzera

Li chiamano "hard seltzer" e stanno spopolando negli Stati Uniti. Da noi si teme abbiano la stessa popolarità degli "alcopops" qualche anno fa

Li chiamano "hard seltzer" e in America stanno spopolando. Vengono venduti in lattine di alluminio e contengono una miscela acqua frizzante, alcol e aromi di frutta, per esempio ananas, al mango o al frutto della passione. Ora si teme che potrebbe diventare il prodotto trend dell'estate anche in Svizzera, riferisce il portale Watson. E chi fa prevenzione è già in allarme, ricordando quanto successo con gli Alcopop.

White Claw, uno dei marchi di punta sul mercato statunitense, ha visto l'anno scorso esplodere le vendite, tanto che l'offerta non è riuscita a tenere il passo con la domanda. L'azienda produttrice fa sapere di essere interessata a un'esportazione dei suoi articoli in Europa, ma di non avere ancora pianificato nulla.

C'è chi però già si inquieta: è il caso di Dipendenze Svizzera, secondo cui non durerà molto prima di vedere la novità anche nella Confederazione. "Lo si è visto già con la sigaretta elettronica, i meccanismi con gli "hard seltzer" sono analoghi: la Svizzera è un mercato molto apprezzato per questi prodotti", ha spiegato a Watson il portavoce dell'organizzazione Markus Meury.

A suo avviso è soprattutto pericoloso il marketing che promuove questi articoli. Le bevande vengono presentate come "drink wellness", più sane e meno caloriche di altre. "Molti giovani arrivano così a credere che l'alcol nella forma di hard seltzer sia meno malsano". Secondo Meury si tratta però di una convinzione errata: l'acqua frizzante in questione contiene la stessa quantità di alcol della birra.

Secondo Dipendenze svizzera il mondo politico deve reagire per evitare una situazione come quella venutasi a creare all'inizio degli anni 2000 con gli Alcopop, le bevande zuccherate a basso tenore alcolico che venivano in particolare consumate da minorenni. Nel 2004 era stata introdotta una tassa speciale per scoraggiarne il consumo. Secondo Meury un balzello di questo tipo potrebbe essere un buona risposta anche al nuovo fenomeno: "i giovani sono molto sensibili al prezzo".

Redazione/ATS | 13 feb 2020 17:37

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'