Accedi
Commenti 11

LAMal “Aumentare le franchigie quando aumentano i costi"

È quanto prevede un progetto del Consiglio federale accolto oggi dal Nazionale

Le franchigie dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) vanno adeguate automaticamente all'evoluzione dei costi. È quanto prevede un progetto del Consiglio federale accolto oggi dal Nazionale dopo che quest'ultimo ha eliminato un'ultima divergenza minore con gli Stati. Contraria la sinistra, che minaccia il referendum: per il campo rosso-verde tale automatismo punisce i malati, i poveri e gli anziani. Il dossier è ora pronto per le votazioni finali.

Concretamente, la modifica della Legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) prevede che, quando il rapporto tra la franchigia di base e i costi lordi medi per assicurato supera quota 1:13, scatterebbe un aumento di 50 franchi di tutte le franchigie, anche quelle opzionali. La franchigia minima salirebbe quindi, non appena entrata in vigore la modifica legislativa, da 300 a 350 franchi.

Da tale meccanismo sono escluse le franchigie per i bambini, e ciò per tener conto del peso, talvolta elevato, dei premi sui bilanci di molte famiglie. Tuttavia, secondo la maggioranza delle Camere l'adeguamento automatico delle franchigie all'evoluzione dei costi - oggi tale competenza è del Consiglio federale, n.d.r. - rappresenta un passo necessario alla luce del forte incremento delle spese sanitarie.

Chiedendo agli assicurati una maggiore partecipazione ai costi, si potrà favorire un comportamento più attento, impedendo visite mediche e ospedaliere superflue. L'aumento della franchigia potrebbe inoltre spingere più persone - oggi solo pochi approfittano di tale possibilità - a cambiare cassa e modificare la propria franchigia, risparmiando così dei soldi.

Di parere opposto la sinistra, secondo cui l'automatismo propugnato dalla maggioranza non è adeguato per controllare i costi sanitari. Nulla prova che questa modifica della legge sia una misura efficace. Si corre anzi il rischio che sempre più persone rinunceranno a farsi curare: già oggi, il 22% della popolazione non va dal medico per timore di dover mettere mano al portafoglio. Questo provvedimento è inoltre socialmente ingiusto e inaccettabile perché colpisce i poveri e i malati cronici e gli anziani. "No" quindi a una medicina a due velocità.

keystone/ats | 14 mar 2019 08:37

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'