Accedi
Commenti 2

"No a paracaduti dorati nell'Amministrazione federale"

Con 5 voti a 3 la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati ha accolto una iniziativa parlamentare di Minder

Non ci devono essere paracaduti dorati nell'amministrazione e nelle aziende federali. Con 5 voti a 3 e 4 astensioni la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati ha deciso di accogliere una iniziativa parlamentare in questo senso di Thomas Minder (indipendente/SH).

Dal gennaio 2014 è vietato il versamento di indennità di partenza ai membri delle direzioni e dei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa, ricorda Minder, deplorando il fatto che ciò non sia il caso per i quadri superiori dell'Amministrazione federale e delle aziende che sono controllate dalla Confederazione. Secondo la commissione questa differenza di trattamento è ingiustificata, si legge in una nota odierna.

Negli ultimi 15 anni sono state versate indennità di partenza ai top manager di Armasuisse, dell'Ufficio federale di statistica, dell'Ufficio federale della migrazione, dell'Ufficio federale del personale, dell'Ufficio federale delle costruzioni e della logistica, della Suva, della Billag, della SRG, dell'Esercito e attualmente della Posta svizzera, suscitando il malcontento della popolazione e una serie di interrogazioni in Parlamento, ricorda Minder, sottolineando che non c'è alcun motivo apparente che giustifichi il mantenimento di questo tipo di indennità.

Keystone-ATS | 12 ott 2018 17:56

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'