Accedi
Commenti 3

UE-Svizzera: brusca frenata sul miliardo di coesione

La Commissione delle istituzioni politiche degli Stati propone di sospendere l'esame del versamento finché i negoziati con Bruxelles non faranno passi avanti

Brusca frenata nel dossier del miliardo di coesione per l'Unione europea. La Commissione delle istituzioni politiche degli Stati propone di sospendere l'esame di questo nuovo versamento finché i negoziati con Bruxelles non abbiano fatto passi avanti e che la Svizzera non abbia ottenuto una equivalenza illimitata per la Borsa.

La decisione di porre questa condizione allo stanziamento è stata presa con 6 voti a 4, hanno indicato i servizi del Parlamento. Questa proposta è stata inviata alla Commissione di politica estera, competente in materia.

Berna intende versare 1,3 miliardi di franchi nell'arco di 10 anni all'Ue, da destinare in gran parte alla riduzione delle disparità economiche e sociali nell'Europa allargata. 190 milioni sono per la migrazione, da far confluire non ai Paesi entrati nell'Ue dopo il 2004, ma a quelli fortemente toccati dal fenomeno.

Per una minoranza, le condizioni poste dalla maggioranza legano due argomenti che non hanno nessun rapporto fra loro, avvelenando le relazioni tra Berna e Bruxelles.

Tenendo conto di questa critica, la commissione ha deciso, con 10 voti a 2, di sostenere i 190 milioni per la migrazione. A suo avviso è nell'interesse della Svizzera migliorare la gestione di questo fenomeno. Gli obiettivi concreti saranno una procedura di asilo più efficiente e il miglioramento della procedura di accoglienza delle persone in cerca di protezione e di quella di rimpatrio.

Keystone-ATS | 12 ott 2018 17:49

Articoli suggeriti
Il Consiglio federale intende rinnovare il contributo di coesione per l'Ue pari a 1,3 miliardi spalmati su dieci anni
Il Governo risponde ai deputati de La Destra: "Il primo contributo ha avuto effetti positivi per la Svizzera"
Il gruppo UDC-LaDestra interroga il Governo sulla risposta data dal Ticino alla consultazione federale intercantonale
Il nuovo contributo destinato all'UE potrebbe non superare lo scoglio parlamentare. Equivalenza della borsa svizzera quale contropartita
Il Forum Alternativo contesta il versamento, deciso "per imbonirsi l'UE a difesa della Borsa svizzera"
I comunisti dicono no al miliardo di coesione in favore dei paesi dell'Est precisando che "la nostra economia potrà solo soffrire"
La Lega dei Ticinesi contesta il versamento del miliardo di coesione ai Paesi dell'Est
Il Consiglio federale conferma di voler versare 1,3 miliardi per i Paesi dell'Est
Anche il PLR nazionale reagisce al 'ricatto UE': "Il mercato finanziario svizzero è fondamentale"
Il Consiglio federale ritiene discriminatoria e di dubbia legalità la decisione dell'UE. Il miliardo di coesione potrebbe essere rivisto
Molti deputati a Berna sono perplessi sull'opportunità di versare il miliardo di coesione
Ignazio Cassis contrario alla limitazione dell'equivalenza finanziaria. "Potremmo ridiscutere il miliardo di coesione"
Il Consiglio federale contava di regolare il dossier delle borse grazie anche al miliardo di coesione, ma...
Il PC resta favorevole alla cooperazione allo sviluppo dei paesi poveri ma non tramite l'UE, "che di equo non ha nulla"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'