Accedi
Commenti 6

Svizzeri divisi su misure di accompagnamento

Per il 38% delle persone interrogate, le misure fiancheggiatrici volte alla protezione dei salari, non vanno assolutamente indebolite: nessuna concessione

Gli Svizzeri sono divisi circa eventuali concessioni all'Ue riguardanti le misure di accompagnamento alla libera circolazione. È quanto sostiene un sondaggio di Tamedia pubblicato oggi svolto tra 7635 persone in rappresentanza di tutto il Paese.

Per il 38% delle persone interrogate, le misure fiancheggiatrici volte alla protezione dei salari, non vanno assolutamente indebolite: nessuna concessione insomma.

Il 20% si è detto invece disposto ad un compromesso per sbloccare le trattative tra la Svizzera e l'Ue in vista della conclusione di un accordo istituzionale. Un 5% giudica dannose le misure collaterali per il mercato del lavoro e si dice favorevole a degli adeguamenti.

Un altro 20% si dice disponibile soltanto ad adeguamenti tecnici. Per quest'ultimi è tuttavia importante che il livello di protezione attuale dei lavoratori rimanga immutato. Il 17% del campione non ha espresso alcuna opinione.

A livello di partiti, la base del PS sembra più disposta ad un compromesso rispetto ai vertici e ai sindacati. Il 18% dei simpatizzanti del PS e dei Verdi sono invece dell'avviso che non debbano essere fatte concessioni.

Il 72% dei partigiani dell'UDC sono favorevoli ad una posizione dura nei confronti di Bruxelles. Tra gli elettori del PLR e del PPD prevale l'opzione del compromesso. Il 27% dei simpatizzanti PLR e il 23% del PPD sono invece contrari ad ogni modifica delle misure collaterali.

Il sondaggio è stato realizzato online tra il 6 e 7 agosto, ossia prima che i sindacati annunciassero il boicottaggio delle discussioni col ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann, i rappresentanti degli imprenditori e i Cantoni.

ATS/Red. | 10 ago 2018 07:38

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'