Nel derby fa festa il Lugano
I leventinesi rimontano due reti di svantaggio nel terzo periodo, ma i rigori premiano i bianconeri
di Thomas Schürch
Nel derby fa festa il Lugano
Nel derby fa festa il Lugano
Nel derby fa festa il Lugano

Il Lugano fa suo il primo derby giocato alla Gottardo Arena. Dopo il 3-3 maturato nei 65 minuti, gli uomini di McSorley ottengono il punto addizionale imponendosi ai rigori.

Uno-due bianconero
Avvio roboante di partita, con Kostner che si fa subito vedere in avanti. Sull’altro fronte sono invece Fazzini e Boedker a rendersi pericolosi. Il ritmo rimane alto e Fora impegna per tre volte Schlegel con delle conclusioni dalla blu. L’episodio che sblocca l’incontro capita quindi a metà della prima frazione: Fazzini si lancia in avanti e Isacco Dotti lo ferma in extremis, ricevendo due minuti di penalità. Nel corso del successivo powerplay il Lugano si porta in vantaggio al 09’23’’ grazie a Morini, che devia alle spalle di Conz il tiro di Riva. Trascorrono appena 39 secondi e i bianconeri raddoppiano con Fazzini, lasciato tutto solo nello slot.

Costretti a rincorrere, i leventinesi beneficiano a loro volta di una superiorità numerica, ma non riescono a trovare il guizzo vincente, malgrado un tentativo di Hietanen. Tornate a cinque contro cinque, entrambe le squadre tentano ancora di costruirsi delle opportunità. Per gli ospiti ci prova Guerra da buona posizione, mentre i padroni di casa hanno una grossa occasione in boxplay negli istanti finali del primo tempo, quando Heim si ritrova da solo davanti a Schlegel. Il portiere numero 34 ha però la meglio e dopo venti minuti il parziale è dunque di 0-2.

Gol su entrambi i fronti
Il periodo centrale comincia con l’Ambrì in inferiorità numerica. Sono poi i sopracenerini a giostrare per due volte con l’uomo in più, e nel corso del secondo powerplay Fora e compagni trovano la via del gol: una rapida circolazione del disco permette a Kostner, servito da McMillan, di andare a segno da distanza ravvicinata al 25’33’’.

La partita si accende e Carr obbliga Conz a compiere un diffcile doppio intervento; sul ribaltamento di fronte è invece Isacco Dotti a tirare a lato di poco. I biancoblù premono alla ricerca del pareggio e colpiscono anche un palo esterno. Sono però i sottocenerini a operare il nuovo allungo, realizzando al 36’12’’ la rete dell’1-3 in situazione di cinque contro quattro. Il marcatore è Fazzini (doppietta per lui) servito da Arcobello. Dopo un ultimo tentativo di Zwerger le due squadre vanno alla seconda pausa.

I biancoblù ristabiliscono l’equilibrio
Al 02’55’’ del terzo periodo Grassi, imbeccato da Pestoni, firma il punto del 2-3 con un tiro al volo. Gli uomini di Cereda provano a spingere e, dopo aver superato senza conseguenze un nuovo boxplay, ottengono il pareggio a metà frazione grazie a Zaccheo Dotti, la cui conclusione all’incrocio dei pali non lascia scampo a Schlegel. Il nuovo parziale resiste fino al 60’00’’ e la sfida prosegue così ai supplementari.

Lugano vincente ai rigori
I cinque minuti di overtime non vedono nessuna rete, malgrado le opportunità non manchino, con il palo di Fazzini, Müller che rischia l’autogol e il bello spunto individuale di Boedker. L’episodio decisivo però non arriva e sono quindi i rigori a decretare il vincitore. E i rigori premiano gli uomini di McSorley, che ottengono due centri contro i quattro errori dei leventinesi.

Tabellino:

HC Ambrì-Piotta-HC Lugano 3-4 dr (0-2) (1-1) (2-0) (0-0)
Reti: 09’23’’ Morini (Riva Stoffel, in 5 c. 4) 0-1; 10’02’’ Fazzini (Arcobello) 0-2; 25’33’ Kostner (McMillan, Regin, in 5 c. 4) 1-2; 36’12’’ Fazzini (Arcobello, Alatalo, in 5 c. 4) 1-3; 42’55’ Grassi (Pestoni, Fora) 2-3; 49’33’ Z. Dotti (Bianchi) 3-3; la sequenza dei rigori: Kozun (A) fuori!; Arcobello (L) gol!; Hietanen (A) parato!; Fazzini (L) gol!; Regin (A) parato!; Walker (L) fuori!; Bürgler (A) parato!
Arbitri:
Piechaczek e Hebeisen (Fuchs e Wolf)
Penalità: 5x2’ contro Ambrì; 4x2’ contro Lugano
Ambrì-Piotta:
Conz; Fora (C), I. Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Z. Dotti; Burren, Pezzullo; Kozun, Regin, Kneubuehler; Bürgler, Heim, McMillan; Pestoni, Grassi Zwerger; Trisconi, Kostner, Bianchi; Allenatore: Cereda
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Chiesa, Müller; Nodari, Guerra; Wolf; Fazzini, Arcobello (C), Carr; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Walker; Traber, Tschumi, Stoffel; Vedova; Allenatore: McSorley
Note: Gottardo Arena, 6’775 spettatori (tutto esaurito). Premiati Zaccheo Dotti e Fazzini

Gli altri risultati di serata:
Berna-Rapperswil 4-1
Losanna-Zurigo 2-3
Langnau-Friborgo 1-3
Zugo-Ginevra-Servette 5-4 ds

Classifica Lna:
1. Zugo 11/23; 2. Bienne 10/22; 3. Zurigo 9/20; 4. Friborgo 10/20; 5. Lugano 10/16; 6. Rapperswil 10/15; 7. Davos 8/13; 8. Ambrì-Piotta 9/12; 9. Berna 10/10; 10. Servette 9/9; 11. Langnau 10/9; 12. Losanna 8/8; 13. Ajoie 8/6

  • 1