Il volto nuovo è Patrice Bosch, confermato Paul Di Pietro
L’Hockey Club Lugano ha definito in questi giorni i due assistenti allenatori che aiuteranno Chris Mc Sorley nella sua avventura sulla panchina bianconera
Redazione
Il volto nuovo è Patrice Bosch, confermato Paul Di Pietro

Il volto nuovo è quello di Patrice Bosch, nato il 10.07.1972 a Brossard (Quebec) e in possesso sia del passaporto svizzero sia di quello canadese, che ha sottoscritto con l’HCL un contratto biennale. Chiuso il suo percorso di giocatore che lo aveva portato anche ad indossare i colori dell’HCL come Juniores Elite e come giocatore della prima squadra (8 partite), Bosch ha accumulato una solida carriera come allenatore nei campionati giovanili del suo Paese. Tra il 1999 e il 2019 ha guidato diverse formazioni della QJHL (Quebec Junior Hockey League) e della QMJHL (Quebec Junior Hockey League), in modo particolare i Grandby Inouk e i Chicoutimi Saguenéens, rivestendo per alcune stagioni anche il ruolo di General Manager. A più riprese Bosch è stato assistant coach e head coach della selezione Canada East U19. Nelle ultime due stagioni Bosch ha infine diretto gli U20 Elit del Ginevra Servette.

Così si è espresso Chris Mc Sorley sul nuovo arrivato: “Patrice è un eccellente tattico, conosce il mio modo di lavorare, le aspettative e i valori dell’HCL. Nella sua carriera ha formato molti giovani e per questo è l’uomo ideale per sviluppare i diversi ragazzi provenienti dalla squadra U20 della nostra Sezione Giovanile”. Proseguirà invece per il terzo campionato consecutivo l’esperienza di assistant coach sulla panchina bianconera di Paul Di Pietro. Il 50enne nativo di Sault Ste. Marie nell’Ontario, pure lui cittadino svizzero e canadese, vincitore nella sua carriera di giocatore dell’ultima Stanley Cup conquistata dai Montréal Canadiens nel 1993, ha firmato un accordo valido per la stagione 2021/22.

“Paul ha nel suo bagaglio un enorme esperienza – ha detto Chris Mc Sorley - Lo conosco dal 1995, quando l’avevo allenato a Las Vegas ed era non solo un ottimo scorer ma anche un compagno di squadra perfetto. Sono molto felice di lavorare con lui perché ha un ottimo rapporto con i giocatori e perché potrà dare il suo contributo nel powerplay e sul piano della tattica offensiva”.

  • 1