Il Lugano si prende il quarto derby
I bianconeri fanno la differenza nel periodo centrale e vincono 5-2
di Thomas Schürch
Il Lugano si prende il quarto derby
© CdT/ Chiara Zocchetti

È il Lugano a far festa nel derby. I sottocenerini si impongono 5-2 alla Cornèr Arena e interrompono così la serie negativa.

McSorley ritrova Loeffel, Guerra e Schlegel, schierato a difesa della gabbia, e fa esordire Herren. Dall’altra parte Cereda inserisce D’Agostini in prima linea assieme a Regin e McMillan. Assenti Kozun e l’infortunato Fora.

Kostner sblocca il parziale...
Sono i biancoblù a farsi vedere per primi in avanti, con i tentativi di Bürgler e Fohrler. L’Ambrì beneficia poi di una superiorità numerica e McMillan si costruisce una buona occasione. Sul fronte opposto, Herburger si sgancia in contropiede ed impegna Conz. Ristabilita la parità numerica, gli ospiti si portano in vantaggio al 09’45’’ grazie a Kostner, pescato tutto solo nello ‘slot’ da un passaggio di Bianchi.

...Hudacek ristabilisce l’equilibrio
Sotto di un gol, il Lugano ci prova con Josephs, ma sono ancora i leventinesi a rendersi pericolosi con Bürgler, che obbliga Schlegel a compiere un difficile intervento. I padroni di casa tentano di alzare il ritmo ed è Arcobello ad andare alla conclusione. Gli uomini di McSorley acciuffano quindi il pareggio al 16’34’’: Alatalo serve Hudacek e lo slovacco spedisce il ‘puck’ all’incrocio dei pali.

Incassato l’1-1, i sopracenerini si ributtano subito in attacco e Josephs è costretto a ‘murare’ il tiro a botta sicura di Zaccheo Dotti. Nel finale di frazione Arcobello e compagni superano due minuti di inferiorità numerica e il primo tempo si chiude in parità.

Periodo centrale a tinte bianconere
Il Lugano inizia nel modo migliore la seconda frazione; i sottocenerini trovano il punto del 2-1 dopo appena 14 secondi con Thürkauf, e si portano sul 3-1 al 22’44’’ grazie a Loeffel, a segno in powerplay. L’Ambrì, chiamato a reagire, sfiora la rete in ‘shorthand’, ma Schlegel si oppone al tentativo di Heim.

La partita è intensa, caratterizzata da molti duelli fisici e sono Hietanen (palo per lui) e Fazzini a rendersi pericolosi. Tocca dunque ad Alatalo firmare il 4-1 al 35’24’’, approfittando del troppo spazio concessogli. La compagine di Cereda non riesce poi a sfruttare una nuova situazione di cinque contro quattro e dopo quaranta minuti i padroni di casa sono avanti di tre lunghezze.

Successo per il Lugano
Nell’ultimo periodo Ciaccio prende il posto di Conz e al 48’22’’ il gol di Zaccheo Dotti consente ai leventinesi di accorciare le distanze. Negli ultimi cinque minuti gli ospiti premono, prima a sei contro quattro e successivamente a sei contro cinque, alla ricerca della rete che potrebbe riaprire la contesa. Ci pensa però Morini a siglare a porta vuota al 59’19’’ il punto del definitivo 5-2.

Tabellino:

HC Lugano-HC Ambrì-Piotta 5-2 (1-1) (3-0) (1-1)
Reti:
09’45’’ Kostner (Bianchi) 0-1; 16’34’’ Hudacek (Alatalo) 1-1; 20’14’’ Thürkauf 2-1; 22’44’’ Loeffel (Fazzini, in 5 c. 4) 3-1; 35’24’’ Alatalo (Riva, Fazzini) 4-1; 48’22’’ Z. Dotti (Pestoni) 4-2; 59’19’’ Morini (porta vuota) 5-2
Arbitri:
Piechaczek e Urban (Altmann e Cattaneo)
Penalità: 6x2’ contro Lugano; 4x2’ contro Ambrì
Lugano:
Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Wolf; Guerra; Fazzini, Arcobello (C), Herren; Josephs, Thürkauf, Hudacek; Boedker, Herburger, Morini; Vedova, Walker, Stoffel; Traber; Allenatore: McSorley
Ambrì-Piotta: Conz (Ciaccio dal 40’00’’); Z. Dotti, I. Dotti; Hietanen, Burren; Fohrler, Fischer, Hächler; D’Agostini, Regin, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi (C), Zwerger; Trisconi, Kostner, Bianchi; Dal Pian; Allenatore: Cereda
Note: Cornèr Arena, 6’733 spettatori. Premiati: Schlegel e McMillan

Gli altri risultati di serata:
Ajoie-Davos 3-1
Friborgo-Langnau 4-3
Ginevra-Servette-Zugo 3-4 ds
Rapperswil-Berna 2-3

Classifica Lna:
1. Davos 23/49; 2. Friborgo 23/48; 3. Zugo 23/46; 4. Bienne 24/45; 5. Rapperswil 25/45; 6. Zurigo 20/36; 7. Ambrì-Piotta 24/32; 8. Berna 23/31; 9. Losanna 21/30; 10. Lugano 25/29; 11. Servette 24/24; 12. Langnau 24/20; 13. Ajoie 23/18

  • 1